Quantcast

Caudo: stare dentro alle cose dando voce a tutti i cittadini

Roma – Idee precise, strategie di riscatto per Roma, progetti concreti sui temi dell’ambientalismo, della lotta alle disuguaglianze – siano esse territoriali, economiche, sociali e di genere. Di questo si è parlato nell’ambito del primo incontro di Roma Futura che si è svolto ieri sera a largo Venue, sulla Prenestina, davanti a molte persone presenti.

“Roma Futura impone uno sforzo collettivo e condiviso. Abbiamo un progetto che è proprio quello di cui questa città ha bisogno ma dobbiamo attivarci da subito per incidere sulla campagna elettorale delle prossime elezioni amministrative di Roma.”

“E dobbiamo farlo tutti e tutte insieme. Stare dentro alle cose: è questo ciò che unisce tutti i soggetti politici di Roma Futura, Possibile, Volt, POP, Green Italia, come la parlamentare Rossella Muroni che oggi è qui stasera (ieri sera n.d.r.) o come i Radicali che proprio in queste ore hanno deciso di aderire alla nostra lista.”

“Sono tutti soggetti che si battano già da tempo sui temi dell’Ecologia, del femminismo e della lotta alle disuguaglianze. Sono questi i tre principi cardine su cui intendiamo investire e profondere le nostre competenze, capacità e impegno. Daremo voce a tutti i quartieri e a tutte le esperienze che già ci sono nei territori.”

“Abbiamo le forze necessarie per incidere e per stare in maniera leale, condivisa ma anche autonoma nell’ambito del centrosinistra, con tutto il nostro entusiasmo. Siamo tanti ma dobbiamo essere ancora di più”. Cosi Giovanni Caudo, capolista di Roma Futura e presidente del III Municipio in una nota a seguito dell’incontro di ieri sera.