Cavallari: con quale autocertificazione Lega ha fatto flashmob sotto Consiglio Regione Lazio?

Roma – “È il caso di conoscere con quale autocertificazione abbiano viaggiato sulle strade i cinque consiglieri regionali della Lega del Lazio stamani fuori dalla Pisana per un flashmob politico. Qual e’ il motivo di assoluta urgenza, necessita’ o salute (visto che le attivita’ istituzionali si tengono online) che li ha portati fuori dal Consiglio regionale per farsi immortalare a ridosso del cancello con uno striscione in mano? In queste ore ancora di emergenza, con decine di migliaia di infettati, di ricoverati, con gli ospedali che operano sull’orlo del collasso, i cinque ‘amministratori’ pensano bene di inscenare un teatrino fuori dalla sede istituzionale per ritagliarsi uno spazio di visibilita’ politica e avere un pretesto per uscire di casa.”

“Tutto questo, fregandosene dei milioni di cittadini che invece sono rinchiusi in casa, in linea con le disposizioni dello Stato, per rispetto e per permettere a medici, infermieri, operatori sanitari, forze dell’ordine e lavoratori in settori strategici di fare il proprio mestiere, decongestionare il prima possibile gli ospedali e permettere di tornare quanto prima alla normalita’. Un gravissimo colpo al ruolo istituzionale che ricoprono, alla responsabilita’ di dare il buon esempio e prestare aiuto facendo il proprio dovere come tutti, ovvero quello rimanere a casa. Si resta in attesa di sapere quale priorita’ abbia mosso questa buffonata, ritenuta piu’ importante della vita e delle sofferenze delle persone”. Cosi’ in un comunicato il consigliere regionale del Lazio, Enrico Cavallari