Quantcast

Cciaa Roma, nuove offerte e qualità: ecco come riparte settore turismo

Più informazioni su

Roma – “Il turismo non e’ morto e puo’ ritrovare una nuova stagione. Se avanza un nuovo turista, offriamogli un turismo migliore. La pandemia, tra le tante cose tragiche, ci ha anche permesso di riflettere sul modo di viaggiare, incontrare persone e fare nuove esperienze”. Lo ha detto il presidente della Camera di commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti, nel corso dell’incontro online ‘I nuovi turismi’, in cui Tagliavanti ha dialogato con Maria Elena Rossi, direttore Marketing e promozione Enit, Stefano Ardito, giornalista, documentarista e scrittore, e Giancarlo Brocci, fondatore Eroica.

Cultura, sostenibilita’, sport, turismo di prossimita’ e nuove mete sono i temi al centro del dibattito per affrontare il ritorno dei visitatori non solo internazionali, ma anche italiani.

“Gli itinerari vanno aiutati- ha aggiunto Tagliavanti- bisogna far scoprire ai romani e ai turisti tutte le possibilita’ e le offerte che ci sono. Che cos’e’ un turista? È una persona che vuole conoscere luoghi nuovi, ed e’ per questo che il turismo e’ un elemento anche culturale e educativo. Questo e’ il messaggio piu’ importante: abbiamo enormi responsabilita’ per fare in modo che chi viene da noi torni a casa piu’ ricco.”

“Anche nei posti piu’ impensabili con passione si possono creare cose nuove e un esempio viene dal ciclismo, che e’ molto utile per i tantissimi paesi dell’interno. Il turista porta con se’ una grande emozione che solo l’Italia puo’ dare- ha detto ancora Tagliavanti- spesso pero’ conosciamo le emozioni delle grandi citta’, ma non quelle interne, che offrono tantissime occasioni”.

Come quella dello sport e del ciclismo, appunto, che con manifestazioni come ‘Eroica’ trovano un nuovo modo di offrire l’Italia al mondo. Nata nel 1997, ‘Eroica ‘porta in provincia di Siena il ciclismo di un tempo e permette di attraversare luoghi e borghi non conosciuti al turismo mordi e fuggi.

“Abbiamo tanta splendida Italia ‘di periferia’ che dobbiamo tornare a far vivere perche’ non ce l’ha nessuno”, ha detto Brocci, tra i fondatori di Eroica, per il quale tuttavia “l’Italia manca nell’offerta di un turismo da strada, manca la possibilita’ di offrire il contenitore ideale per la pratica maggioritaria del ciclismo, che e’ la strada”. Anche Roma da questo punto di vista e’ una citta’ “poco accogliente per chi va a piedi e per chi va in bici- ha detto Arditi- In Italia dovremmo essere un po’ piu’ bravi a studiare gli esempi positivi, come Eroica”.

E appunto, la Capitale? “A Roma siamo molto preoccupati- ha detto Tagliavanti- abbiamo capito che anche il turismo delle citta’ d’arte dovra’ cambiare, ma sono certo che se saremo in grado di rinnovarlo potra’ dare ancora tantissime soddisfazioni. A Roma adesso sono attese 15 importanti nuove aperture di grandi alberghi, quindi vuol dire che la domanda e’ ancora fortissima anche per importanti investitori. Ma come fare per aumentare la qualita’ e arricchire il turismo di contenuti e poi, se siamo bravi anche di risorse?”.

Per Maria Elena Rossi “c’e’ grande voglia di rispondere a questo rilancio e riposizionamento. Credo che la risposta che sta arrivando, dagli Stati Uniti in primis, e’ proprio questa: ‘raccontateci Roma e portate i nostri clienti a tornare, perche’ nella Capitale c’e’ ancora tantissimo da scoprire in sicurezza”.

Più informazioni su