Quantcast

Celli: città vittima di maledizione su scale mobili

Roma – “E’ sicuramente la maledizione delle scale mobili a tenere chiuse le stazioni della metropolitana a Roma per almeno 9 mesi. Non si spiegano tempi tanto lunghi in una capitale europea, meta di turismo internazionale, per di piu’ in una zona centrale della citta’. I tempi sulla possibile riapertura della stazione Barberini, che e’ stata ipotizzata per novembre, sono davvero inconcepibili. Oltretutto, se non ci fosse stata la commissione Trasparenza, che ho espressamente richiesto per le difficolta’ oggettive dei cittadini e dei commercianti della zona, incontrati dopo le battaglie per la riapertura della stazione Repubblica, nessuno dell’amministrazione capitolina si sarebbe degnato di dare informazioni precise. Per questo, come fatto per la stazione Repubblica annuncio che presentero’ una mozione analoga a quella approvata all’unanimita’ per chiedere la riduzione delle imposte comunali ai commercianti. Ricordo a chi siede in Campidoglio che sono tutti li’ su mandato dei romani e che ai romani sono tenuti a rispondere e nel loro interesse a gestire la cosa pubblica. Ma il rispetto per i cittadini e’ l’ultimo degli interessi di questa maggioranza, dimostrato anche dall’assenza oggi dell’assessore competente. Una mancanza di rispetto verso i cittadini e i commercianti che hanno chiesto piu’ volte un incontro mai concesso. A mancare in questa citta’ e’ ancora una volta la politica, quella che ci mette la faccia e si assume le responsabilita’ delle scelte e delle decisioni”. Cosi’ in un comunicato la capogruppo in Campidoglio della Lista Civica Roma Torna Roma, Svetlana Celli.