Cgil-Cisl-Uil: Fiumicino e Ciampino al collasso

Roma – “Contrazione dei passeggeri nei due aeroporti del 70%, stime di ripresa nel 2022-23. A rider, driver e magazzinieri pochi riconoscimenti e forti carichi di lavoro. Necessario ripensare i paradigmi di mobilita’ e intervenire efficacemente, non si puo’ attendere oltre. Alla luce della pandemia, gli scali di Fiumicino e Ciampino chiuderanno l’anno con una contrazione dei passeggeri superiore al 70%.”

“Numeri a cui vanno sommate le previsioni dell’International Air Transport Association e dell’International Consolidated Airlines Group, che parlano di una ripresa del settore aereo a partire dal 2022-23.”

“Al contempo, alla crescita esponenziale dell’e-commerce e dell’attivita’ di delivery’, che hanno ‘stressato’ la distribuzione urbana, non corrispondono ancora adeguati livelli di tutela in termini salariali, di sicurezza e diritti riconosciuti. Per questi e altri motivi, chiediamo un incontro urgente per discutere del presente e del futuro della mobilita’”.

E’ quanto si legge in una lettera firmata dai Segretari Generali della Filt-Cgil di Roma e Lazio, della Fit-Cisl del Lazio e della Uil Trasporti Lazio, Eugenio Stanziale, Marino Masucci e Maurizio Lago, indirizzata al Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e agli assessori competenti, in cui si aggiunge che “e’ indubbio che stiamo assistendo all’affermazione della ‘prossimita” come modello di riferimento per la programmazione dei servizi.”

“In questo momento, ad esempio, gli addetti alle attivita’ di magazzinaggio, con particolare riferimento alla realta’ di Amazon, che ha espanso notevolmente la propria capacita’ produttiva, insieme a rider e driver, hanno goduto di uno straordinario protagonismo, con attestati di riconoscimento per i servizi resi alla cittadinanza”.

Tuttavia, questi lavoratori non hanno ottenuto maggiori garanzie e tutele. Alla luce dei cambiamenti in atto, secondo i sindacalisti “e’ urgente intervenire su quattro punti: innanzitutto, sullo sblocco degli ammortizzatori sociali, soprattutto negli ambiti su cui gravano ritardi nell’erogazione; in secondo luogo, “sul rilancio del sistema complessivo dei trasporti, con interventi di pianificazione da favorire anche tramite il Fondo Nuove Competenze e i piani straordinari varati dalla Ue (NextGenerationEU e Green Deal).”

“In terzo luogo, sulle politiche attive nel settore del trasporto aereo, con forti sinergie tra sindacato e attori istituzionali. In ultimo, sull’ampiamento della dotazione infrastrutturale materiale ed immateriale per cui sono gia’ previste le risorse sbloccate dal DL semplificazione”.