Quantcast

Cgil: solidarietà a Baobab Experience per repressione Piazza Spadolini

Più informazioni su

Roma – “Condanniamo con forza quanto successo ieri a piazzale Spadolini, nei pressi della Stazione Tiburtina. Ancora una volta la scelta del Comune di Roma e della Prefettura è stata quella di reprimere il presidio di migranti nel piazzale, dimostrando scarsa progettualità nell’affrontare con decisione il tema dell’accoglienza e del diritto all’abitare per le cittadine e i cittadini migranti”. Così in un comunicato la Cgil di Roma e del Lazio.

“Registriamo con profondo rammarico la totale mancanza di dialogo da parte dell’amministrazione capitolina che si fregia della riqualificazione della Stazione senza trovare una reale soluzione a chi è costretto a vivere in strada per mancanza di alternative.”

“Al posto dei giacigli di fortuna e dei tavoli portati lì dalle volontarie e dai volontari di Baobab Experience sono state installate delle fioriere, come ha tenuto a specificare la delegata del Sindaco alle Periferie, Federica Angeli.”

“Ciò che più colpisce è l’attacco subito da Baobab Experience, realtà attiva da anni nel soccorso, legale e materiale,dei migranti nella nostra città.”

“Sin dall’insediamento della delegata della sindaca alle periferie, le attiviste e gli attivisti hanno cercato un dialogo per proporre soluzioni che andassero oltre il solo intervento repressivo, che potessero valorizzare il lavoro svolto in questi anni e rendere Roma una città davvero accogliente.”

“Si è preferito invece ignorare i tentativi di dialogo e andare avanti con un intervento che ci sembra mirare, più che alla riqualificazione dell’area, alla campagna elettorale in vista delle prossime elezioni amministrative.”

“Non possiamo che stare al fianco delle comunità migranti continuamente colpite dopo anni di abbandono a se stesse da parte delle istituzioni, delle attiviste e attivisti di Baobab Experience e di tutte le associazioni, cittadine e cittadini che ogni giorno provano a colmare il divario sempre maggiore nella nostra città, dove le disuguaglianze continuano a crescere a discapito della narrazione da campagna elettorale.”

“Crediamo che lotta alle disuguaglianze, l’accoglienza e il dialogo con realtà come Baobab Experience e le associazioni coinvolte su questo piano di azione siano molto più riqualificanti e urgenti di un presidio di polizia e alcune fioriere installate nei pressi di una stazione”.

Più informazioni su