Ciaccheri: storia Lazio Nuoto rappresenta disinteresse Raggi

Roma – “Facciamo chiarezza, la storia della Lazio Nuoto rappresenta il disinteresse per lo sport di Virginia Raggi e della sua Giunta. I primi di agosto Roma Capitale recapita un avviso di sfratto alla Polisportiva, dopo che un pronunciamento del Tar aveva messo in discussione gli esiti del bando di assegnazione della piscina di via Giustiniano Imperatore.”

“Non ancora soddisfatti, dal Campidoglio intimano di abbandonare la struttura agli inizi di settembre, impedendo di fatto agli attuali gestori di difendersi in sede di giustizia amministrativa. Un vero capolavoro di confusione e disinteresse per l’utenza della piscina e il territorio nonche’ per gli operatori sportivi, costretti a confrontarsi con un bando pensato male e i rappresentanti del Comune, ambigui, contraddittori e trincerati dietro la ragione amministrativa.”

“Due societa’ sportive oggi scontano la superficialita’ della giunta Raggi e nessuno in Campidoglio si sta preoccupando di garantire la continuita’ di servizio di una struttura sportiva virtuosa sul territorio. Ora basta: mentre i tribunali dove la giunta Raggi ha condotto la questione decideranno fino all’ultimo grado a questo punto si sospenda ogni iniziativa forzosa e si lasci a tutte e tutti la possibilita’ di svolgere l’attivita’ sportiva per il 2020-2021. La nostra cittadinanza non puo’ pagare gli errori continui e costanti di Raggi e dei suoi sodali”. Lo scrive in una nota il presidente del Municipio Roma VIII, Amedeo Ciaccheri.