Quantcast

Ciacciarelli a D’Amato: per personale sanitario tamponi gratuiti

Roma – “Come noto, con il provvedimento de quo, dal 23 dicembre al 23 gennaio 2022 il “personale sanitario e sociosanitario operante nelle strutture sanitarie, pubbliche e private” dovrà sottoporsi ad ‘un test con periodicità non superiore ai 10 giorni, al fine di intercettare tempestivamente eventuali casi positivi, fermi restando gli ulteriori obblighi previsti dalla stratificazione del rischio in capo all’Azienda Sanitaria o Struttura sanitaria’.”

“A prevederlo è l’Ordinanza Z00025 del 20/12/2021 firmata dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ed afferente ‘ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19’.

“Di fatto, però, la norma non è sufficientemente chiara, soprattutto nelle modalità di esecuzione di questo screening obbligatorio e su chi dovrà accollarsi le spese dei tamponi (arrivati a 15€ l’uno).”

“Per facilitare la procedura e renderla maggiormente comprensibile ed applicabile, si potrebbe pensare ad un sistema di screening a carico del Sistema Sanitario Regionale, che preveda l’esecuzione di Test Gratuiti presso le strutture accreditate diffuse sul territorio, oltre che eventualmente consentire la possibilità di effettuare i Test presso le strutture sanitarie dove si lavora sfruttando delle forniture di test offerte dal Sistema Sanitario Regionale, da destinare esclusivamente agli operatori sanitari presenti.”

“Gli operatori sanitari sono due anni che lavorano in condizioni di massimo stress, continuando a prestare servizi che richiedono contatto diretto con le persone, assumendosi costantemente il rischio di contagio e diffusione del virus e puntualmente vengono sollecitati con nuove disposizioni, sempre meno chiare e soprattutto sempre sfavorevoli.”

“Sono due anni che gli operatori sanitari non ricevono supporto di nessun tipo, effettuare screening gratuiti per tutelarli e di conseguenza tutelare i pazienti assistiti e le loro famiglie, sarebbe una decisione di buon senso, oltre che un tangibile segnale di attenzione e sensibilità, nei confronti dell’indispensabile e prezioso lavoro, svolto fino ad ora, dagli operatori sanitari del Lazio. Per quanto sopra, ho scritto a Zingaretti ed all’assessore regionale alla Sanità D’Amato”. Lo dichiara, in una nota, il consigliere regionale del Lazio Pasquale Ciacciarelli della Lega.