Ciacciarelli: ristori inadeguati, forni e pizzerie al tappeto

Roma – “Perdite per oltre 250 milioni di euro: e’ questa la stangata, secondo i dati di Confartigianato, abbattutasi su forni, pizzerie al taglio, pasticcerie, gelaterie, paninoteche, cioccolaterie e laboratori di pasta, a causa della pandemia. Un settore letteralmente in ginocchio, soprattutto alla luce del fatto che tante di queste attivita’ non rientrano neanche nel decreto Ristori del Governo.”

“È l’ennesima conferma di una gestione fallimentare, di aiuti niente affatto adeguati, di una mancanza di visione e programmazione. A causa dell’inerzia della Regione Lazio e dell’incapacita’ di Movimento Cinque Stelle e Partito Democratico che governano insieme l’Italia, molte attivita’ si avviano al fallimento.”

“Uno scenario a tinte fosche, reso ancor piu’ grave dalla recente “zona arancione”, la quale rischia di dare il colpo di grazia definitivo a chi con enormi sacrifici cerca di fare impresa, ed offrire posti di lavoro sul nostro territorio. Prendano atto di non essere in grado, e si facciano da parte!”. Lo ha detto, in una nota, il consigliere regionale del Lazio Pasquale Ciacciarelli (Lega).