Cimitero Flaminio, Politi: pessima gestione Ama

Roma – “Malgrado le dichiarazioni da parte di Ama, la situazione nei cimiteri capitolini non e’ affatto rassicurante. La nota dell’11 febbraio inviata da Ama alle agenzie funebri ha fatto scoppiare una bomba nell’ambiente, si parlava di sospendere tutte le tumulazioni, le inumazioni e gli affidi urne cinerarie nel cimitero Flaminio.”

“Questa mattina con i carabinieri alle porte, la nota viene rettificata e si sospende solamente il servizio delle consegne delle urne. La societa’ comunica che sono stati posti i sigilli dalla Asl ai depositi urne per inosservanza alle norme sulla prevenzione degli infortuni e igiene del lavoro.”

“E’ evidente a nostro avviso, che in Ama si stia navigando a vista, senza controllo ne’ una reale programmazione per affrontare l’aumento dei decessi dovuti alla pandemia. La gestione fallimentare di Ama non sembra preoccupare l’Amministrazione capitolina che in piena campagna elettorale, ha ben altri pensieri rispetto a quello di onorare i defunti.”

“Il caos e’ dietro l’angolo, il problema non e’ di trascurabile entita’, la Capitale conta circa tre milioni di abitanti, pertanto e’ ovvio che la percentuale di decessi sia tra le piu’ alte d’Italia, a prescindere dall’emergenza covid, come mai in questi anni non si e’ provveduto a creare nuovi spazi e maggiori servizi, sono anni che la Raggi paventa nuovi lavori nei cimiteri, ma come sempre sono rimaste solo vuote parole”. Cosi’ in un comunicato Maurizio Politi, capogruppo Lega in Assemblea Capitolina.