Cinema America, Carocci: terminata mia protezione, non sono più sotto scorta

Roma – “Cari amici, oggi si e’ concluso il dispositivo di scorta. A partire da una mia richiesta, infatti, il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza ha valutato positivamente di terminare la misura di protezione. La decisione e’ stata presa a seguito di un periodo di minore attivita’ pubblica da parte mia e grazie al monitoraggio effettuato dalle forze dell’ordine rispetto a eventuali pericoli diffusi”. Cosi’, in una nota, Valerio Giuseppe Carocci, Associazione Piccolo America.

“Ringrazio il Comitato- continua- il reparto scorte di Villa Tevere e la Questura di Roma per la professionalita’. Ci tengo a comunicare il grande disagio che ho vissuto in questi sei mesi, poiche’ ho sempre ritenuto che ci fossero persone piu’ in pericolo di me, e spero che le risorse del nostro Paese possano essere tutte rivolte a loro.”

“Ho imparato sulla mia pelle quanto, nonostante la competenza del personale incaricato, questa condizione sia soffocante e per questo voglio esprimere tutta la mia solidarieta’ a chi e’ costretto a passarvi anni o una vita intera. L’eventuale critica e messa in discussione delle attivita’ che portiamo avanti con il Piccolo America sono auspicabili ed in molti casi anche costruttive.”

“Speriamo pero’ che in futuro non si ricada in violenze, insulti o minacce nei nostri confronti, atti d’odio rispetto ai quali non potremo che rispondere nuovamente in termini istituzionali e democratici. Il nostro obiettivo per i prossimi mesi e’ quello di aprire il Cinema Troisi, dove sono arrivate da pochi giorni le nuove poltrone, e questa estate illuminare nuovamente di cinema le notti romane. Guardiamo avanti!”.