Cinema America, Mollicone: delibera sorprendente, serve verifica dell’antitrust

Roma – “Il settore cinematografico e’ allo stremo. In questa situazione drammatica c’e’ chi, grazie ai finanziamenti pubblici, fa impresa, dicendo la propria attivita’ per volontaria e riqualificazione”. Cosi’ in una nota il capogruppo di FdI in commissione Cultura e responsabile Cultura del partito, deputato Federico Mollicone. “Gia’ l’Antitrust, nonostante questa sorprendente delibera, ha rilevato l’incompletezza dell’entita’ dei finanziamenti ricevuti dall’Associazione ‘Piccolo America’, che vanno verificati.”

“Inoltre, l’associazione vende gli spazi pubblicitari sullo schermo, raccoglie donazioni fra gli spettatori, vende merchandising. Nei principali contesti europei, le proiezioni ad ingresso gratuito sono regolamentate e riguardano retrospettive di autori o capolavorari restaturati, mentre il Piccolo America ora chiede perfino film dell’ultima stagione. Va segnalata-continua- che l’associazione orbita nella sinistra romana, e nasce da un’occupazione abusiva ed illegale del cinema America che, da presidente della commissione Cultura di Roma Capitale, cercai di riqualificare. La concessione, infine, ha numerose criticita’ come rilevato dagli addetti ai lavori: presenteremo per questo un’interrogazione per valutare se il Piccolo America avesse o meno tutti i requisiti”.