Quantcast

Città Metropolitana Roma: qui non c’è posto per parole d’odio

Roma – “Qui non c’e’ posto per parole d’odio”. Questo il motto lanciato dalla Rete RE.A.DY per la Giornata Internazionale contro l’omotransfobia che ricorre oggi, 17 maggio, data in cui l’Organizzazione Mondiale della Sanita’, nel 1990, ha cancellato l’omosessualita’ dalla lista delle malattie mentali.”

“La Citta’ metropolitana di Roma Capitale, partner della rete, rinnova il proprio impegno contro l’odio, la violenza e le discriminazioni aderendo alla campagna di sensibilizzazione promossa a livello nazionale per richiamare l’attenzione sul tema dei diritti delle persone LGBT e di ogni essere umano.

“Questa giornata e’ stata scelta in ambito internazionale per promuovere il contrasto alle discriminazioni e ai pregiudizi. La Citta’ metropolitana aderisce anche per rimarcare il principio di uguaglianza e dei diritti umani che trovano tutela nella nostra Carta Costituzionale.”

“È compito delle Istituzioni garantire, preservare e promuovere il rispetto e la parita’ di trattamento dell’individuo. Operiamo per una societa’ libera, non possiamo permettere che la propria identita’ o l’orientamento sessuale sia motivo di violenza fisica e verbale”, dichiara Teresa Zotta, Vice Sindaco della Citta’ metropolitana di Roma Capitale.

Flavia Ginevri, Consigliera di Parita’ della Citta’ metropolitana di Roma Capitale, dichiara: “In questa giornata internazionale che nell’art. 7 del Ddl Zan si intende riconoscere come Giornata Nazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia, la Consigliera di Parita’ della CMRC intende promuovere e diffondere la cultura del rispetto e dell’inclusione e contrastare ogni forma di pregiudizio e violenze.”

“Si tratta di una legge di civilta’ di cui il nostro Paese ha bisogno, perche’ siano riconosciuti i reati d’odio e discriminazioni verso la comunita’ LGBT+”. RE.A.DY e’ una rete italiana che unisce Regioni, Province Autonome ed Enti Locali nel comune intento di prevenire e superare le discriminazioni per orientamento sessuale e identita’ di genere.