Quantcast

Cna: oltre 15mila mascherine in beneficenza da imprese

Roma – “Alla luce del difficile momento causato dall’emergenza covid 19, alcune imprese hanno fatto loro il messaggio appreso durante il lockdown, sperimentando una maggiore flessibilita’ e pensando alla possibilita’ di reinventarsi. In molti casi, gli imprenditori del settore della moda e della produzione tessile hanno deciso di riconvertire la produzione per fabbricare mascherine, ormai un oggetto divenuto indispensabile per la nostra salute quotidiana”. E’ quanto si legge nella nota del Cna di Roma, che in collaborazione con CNA Impresa Sensibile, ha deciso “di donare un significativo quantitativo di mascherine prodotte dai propri imprenditori alle associazioni che da sempre sono in prima linea sul fronte dell’assistenza dei meno fortunati, Caritas Diocesi di Roma, Emergency, Croce Rossa di Roma. A Roma si stima che si ci siano circa 8mila senza fissa dimora: il rischio piu’ grande e’ che la situazione indotta dalla pandemia aggravi la loro gia’ precaria sopravvivenza e metta a dura prova anche coloro che quotidianamente si occupano della loro assistenza”.

“Siamo lieti di consegnare ad Emergency, Croce Rossa e Caritas Diocesi di Roma una dotazione di mascherine realizzate dai nostri artigiani associati, che possa permettere lo svolgimento delle attivita’ di servizio di volontariato in sicurezza e garantisca l’incolumita’ dei senza tetto. È un piccolo gesto che ci sentiamo di fare in un momento in cui e’ davvero essenziale non lasciare indietro coloro che sono piu’ fragili ed esposti alle conseguenze del virus”, cosi’ Stefano Di Niola, Segretario della CNA di Roma.

Spiega Marco Latrecchina, responsabile del progetto di Emergency- Nessuno escluso: “Siamo molto grati alla CNA per il suo contributo, che garantira’ la protezione sia dei nostri volontari che delle famiglie che incontriamo durante la distribuzione di beni di prima necessita’. In questa fase e’ infatti importantissimo minimizzare i rischi di ulteriori contagi”.

“Con grandissima soddisfazione vedo che sempre con maggior efficacia CNA Impresa Sensibile riesce a ricoprire la funzione di catalizzatore di buone pratiche a servizio di un miglior funzionamento del nostro grande sistema associativo. Un risultato che si rivela tanto piu’ importante, in questo momento in cui le fragilita’ e le diseguaglianze sono state poste senza veli sotto gli occhi di tutti. Una responsabilita’ collettiva a cui CNA non si sottrae, forte della propria identita’ e delle relazioni radicate e profonde con le tante istituzioni che in ogni territorio sono in prima linea con noi per una migliore qualita’ della vita di tutti”, lo afferma Maria Fermanelli, Presidente di CNA Impresa Sensibile.