RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Coia: sanzioni, sequestri e Polizia locale fissa in piazze centro per combattere abusivismo

Roma – Sanzioni, sequestri e la proposta di istituire presidi fissi in alcune piazze storiche del centro per evitare il fenomeno dell’abusivismo. Questi i risultati della commissione capitolina Commercio che questa mattina, guidata dal presidente Andrea Coia, ha svolto una seduta in esterna per verificare lo stato del commercio su strada, regolare e non, tra Campo de’ Fiori e piazza Navona.

La proposta di presidi fissi di agenti della Polizia locale di Roma Capitale e’ arrivata anche da alcuni commercianti di Campo de’ Fiori.

“Ci sono rischi di incolumita’ pubblica in occasione dei quando si crea il fuggi fuggi degli abusivi- hanno detto- ma soprattutto un presidio di almeno un agente servirebbe come deterrente per gli abusivi”. La proposta e’ stata registrata dagli uffici capitolini e sara’ approfondita”.

“Per quanto riguarda il capitolo legalita’, durante la mattinata gli agenti della Polizia locale che accompagnavano la commissione hanno sequestrato alcune bancarelle: quattro postazioni tra piazza San Pantaleo e via della Cuccagna ed una postazione fissa che vendeva abiti, cappellini e sciarpe a piazza del teatro di Marcello.

“Il sopralluogo in esterna- ha commentato Coia- e’ iniziato da piazza Sant Pantaleo dove c’erano quattro venditori abusivi di bigiotteria che la Polizia locale ha ritenuto di dover sanzionare, con il successivo sequestro della merce, come previsto dalla legge. Poi siamo passati a piazza Navona a verificare altre difformita’ e abusivismi presenti nell’area e a piazza del teatro di Pompeo dove abbiamo trovato un venditore fuori dalla localizzazione prevista che e’ stato fatto chiudere”.

“Infine siamo arrivati a Campo de’Fiori, che invece come esposizione e luci riteniamo essere un bel mercato, con un’offerta e una qualita’ abbastanza buona, anche se migliorabile, ed esempi di consumo sul posto che vorremmo vedere in tutti gli altri mercati di Roma”.