Coldiretti: Centrale Latte patrimonio inestimabile per agricoltura Roma

Roma – “La Centrale del Latte di Roma non solo e’ un asset fondamentale per il settore zootecnico e per l’economia locale, ma rappresenta un patrimonio di inestimabile valore per l’agricoltura capitolina. Un patrimonio che il Comune deve assolutamente difendere e tutelare con un marchio che da decenni fa parte della storia e della cultura di questa citta’. Che la Centrale possa diventare una partecipata strategica del Comune e’ una buona notizia perche’ cio’ rappresenterebbe una garanzia per i consumatori e per gli allevatori, per i quali auspichiamo comunque un aumento delle quote”.

“Pensare invece a una vendita della Centrale a un soggetto esterno e’ impensabile e va contro a quanto stabilito nello Statuto che concede la priorita’ ai produttori. Un principio che riteniamo imprescindibile a garanzia del territorio, della qualita’ e dei consumatori. E’ importante comunque che venga posta la massima attenzione sulla condizione critica degli allevatori, purtroppo relegati a un ruolo subalterno e sottopagati dalle industrie, con prezzi ben al di sotto dei costi di produzione che calpestano la loro dignita’”.

“Una situazione inaccettabile che abbiamo piu’ volte sottolineato evidenziando le forti speculazioni e chiedendo la revisione del testo unico del commercio alla Regione Lazio affinche’ il prezzo corrisposto agli allevatori possa essere facilmente adeguato. E’ necessario ricordare che il latte e’ un bene altamente deperibile e merita un trattamento specifico che non puo’ prescindere dai costi di produzione”. Cosi’ in un comunicato David Granieri, presidente Coldiretti Lazio.