RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Comitati Valle Galeria: denunciamo Comune e Regione, incontro inutile

Roma – “L’incontro e’ stato inutile perche’ la delegata della sindaca poteva solo ascoltare. È stato il solito giochetto del rimpallo di responsabilita’ con la Regione. Gli abbiamo detto che ci sono responsabilita’ penali, che presenteremo una denuncia contro il Comune e la Regione perche’ c’e’ una discriminazione contro la Valle Galeria e gli abbiamo detto che saranno loro responsabili se la Valle Galeria esplode”. Monica Polidori ed Emanuela D’Antoni, componenti della delegazione dei cittadini della Valle Galeria che ha incontrato la delegata capitolina ai Rifiuti, Valeria Allegro, hanno annunciato i prossimi passi di chi si oppone alla realizzazione della discarica a Monte Carnevale.

“Finora siamo stati silenti ma non ne possiamo piu’, basta una gocciolina per creare il caos”, hanno rincarato. Qualche cittadino propone: “Ci dobbiamo mettere tutti dentro la cava”, e il consenso all’idea non manca. “Siamo stati trattati diversamente rispetto ad altre zone di Roma pur combattendo la stessa lotta. Ci hanno detto che non dobbiamo fare una guerra tra territori ma i comitati Albano, Colleferro e Tragliatella sono qui con noi. Abbiamo chiesto di incontrare la sindaca e un Consiglio straordinario sulla Valle Galeria che abbiamo chiesto dal 20 novembre, i 30 giorni per calendarizzarlo sono scaduti e se non ci penseranno loro glielo faremo imporre dal prefetto di Roma”.

Molto nervosismo per l’assenza della sindaca e il comportamento dei 5 Stelle, in particolare sul rischio slittamento della discussione delle mozioni contro la discarica: “La sindaca stava presenziando a una commemorazione per Alberto Sordi, non ha avuto il coraggio di affacciarsi- ha detto Claudio Fetoni- Giuliano Pacetti, capogruppo di maggioranza, ha chiesto a dieci dei suoi di firmare questo documento per fare slittare la discussione delle mozioni che ci riguardano. Io entrero’ in aula, facciamo pressione”. Dopo la protesta in Campidoglio “continueremo la nostra lotta e andremo in Regione. Abbiamo appena cominciato”.