RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Condanna Rixi: 3 anni e 5 mesi di reclusione e interdizione da pubblici uffici

Genova – Edoardo Rixi condannato a 3 anni e 5 mesi di reclusione e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici. E’ la sentenza pronunciata dal giudice Giuseppe Dagnino della seconda sezione penale del Tribunale di Genova, nell’ambito del processo sulle spese dei consiglieri regionali liguri dal 2010 al 2012, quando l’attuale viceministro ai Trasporti, oggi non presente in aula, era capogruppo della Lega.

Il procuratore aggiunto Francesco Pinto aveva chiesto 3 anni e 4 mesi di reclusione per peculato e falso, a vario titolo. Il processo riguarda anche altri 19 consiglieri che si sarebbero fatti rimborsare spese private con soldi pubblici, spacciandole per attivita’ istituzionali. A Rixi sono state contestate spese proprie non congrue per circa 20.000 euro, tra vitto e viaggi.

Al leader del Carroccio ligure e’ stata contestata anche la mancata vigilanza su 36.000 euro di spese del gruppo consiliare, a cui si aggiungono 9.400 euro dell’attuale senatore Francesco Bruzzone e 42.000 euro di Maurizio Torterolo, che ha gia’ patteggiato due anni. Infine, 688 euro perche’ avrebbe presentato spese “in conto terzi”.

Una parte delle somme e’ stata restituita da Rixi ma questo, per il pm, non cancellava eventuali responsabilita’. Il legale del viceministro, l’avvocato Maurizio Barabino, dopo aver chiesto l’assoluzione, aveva proposto in alternativa la condanna per indebita percezione di erogazioni pubbliche, reato che sarebbe gia’ stato prescritto.