Quantcast

Consiglio di Stato ferma assegnazione piscine Lazio Nuoto a Maximo

Roma – Il Consiglio di Stato ha di fatto escluso la società sportiva dilettantistica Maximo dalla gestione dell’impianto sportivo di via Giustiniano Imperatore alla Garbatella, a Roma, per decenni casa della Lazio Nuoto e che era stato messo a bando dall’amministrazione Raggi circa due anni fa. Per la Lazio Nuoto è una vittoria che potrebbe portare presto alla riassegnazione dello storico impianto. Le motivazioni dei giudici sono contenute in una sentenza resa nota oggi.

In pratica il Consiglio di Stato, in sede giurisdizionale, ha accolto l’appello della Lazio Nuoto, “in parziale riforma della sentenza di primo grado, ed in particolare il primo motivo del ricorso introduttivo del giudizio e il decimo motivo aggiunto nei termini di cui in motivazione”.

I giudizi scrivono, ancora più nello specifico, che “il provvedimento di aggiudicazione va annullato e disposta l’esclusione di SSD Maximo dalla procedura di gara per violazione dell’art. 5 del disciplinare di gara: il gruppo imprenditoriale cui la società è riconducibile è, infatti, già titolare di due concessioni di impianti sportivi di proprietà comunale (l’aggiudicazione porterebbe all’acquisizione di un terzo impianto)”. Il rischio di concentrazione di impianti è stato dunque fatale per la Maximo. Rigettato del tutto e considerato irricevibile dai giudici l’appello di SSD Maximo.

L’avvocato della Lazio Nuoto, Daniele Sterrantino, ha commentato la decisione del Consiglio di Stato dicendosi “molto soddisfatto per la sentenza, che giunge dopo una battaglia giudiziaria lunga e dispendiosa durata anni, e che è stata resa ancor più difficoltosa dall’atteggiamento quasi ostruzionistico di Roma Capitale.”

“Finalmente sono state accolte le nostre ragioni, ed in particolare quella che evidenziava l’elusione della norma voluta dalla stessa amministrazione di non avere una concentrazione degli impianti sportivi capitali ad uno stesso soggetto imprenditoriale. Norma voluta a parole, ma smentita nei fatti. E’ una giornata storica per la Lazio Nuoto e, ritengo per tutto il movimento sportivo capitolino”.