Corrotti: Castel Romano, Sinistra giustifica illegalità in campo nomadi

Roma – “Chiudere il campo rom di Castel Romano e’ l’unica soluzione possibile e da compiere nel piu’ breve tempo possibile per salvaguardare la salute pubblica di chi vive nelle zone limitrofe, non ci possono essere altre ragioni per tenere aperta un’area che versa in gravi condizioni ambientali e che gia’ la stessa Asl ne ha certificato le inadeguate condizioni igieniche e sanitarie a causa dei comportamenti dei residenti che generano continui roghi tossici, sversamento di rifiuti speciali in una gigantesca discarica abusiva, nell’ambito di una riserva naturale.”

“Le scontate ragioni di solidarieta’ da parte della sinistra alla Regione Lazio, di fronte all’inerzia di politiche di integrazione di cui da anni non si vede traccia, continuano ad essere solo il paravento e la giustificazione delle perduranti situazioni d’illegalita’, di degrado e di un crescente allarme sicurezza in quelle che sono ormai da troppi anni delle vere e proprie zone franche all’interno della citta’”. Cosi’ in una nota Laura Corrotti, consigliere Lega Regione Lazio.