Corrotti: notifica sgombero Castel Romano sia solo inizio

Roma – “La notifica di sgombero alle 28 famiglie dell’area F del villaggio di Castel Romano deve essere solo un primo passo verso il totale superamento del campo rom che conta al suo interno, ad oggi, ben 550 persone. Il degrado e le condizioni igienico sanitarie nell’area, certificate anche dalla stessa Asl, non possono piu’ essere consentite per salvaguardare la salute pubblica anche di chi vive nelle zone limitrofe.”

“Se la posizione della sinistra continua ad essere quella di tutelare i residenti del campo rom, il buonsenso vuole lo sgombero totale di una delle zone franche della Capitale, con l’obiettivo di ripristinare una volta per tutte l’ordine pubblico togliendo ogni traccia di illegalita’: non passa giorno senza un intervento da parte di Vigili del Fuoco e forze dell’Ordine per fermare roghi tossici e atti vandalici che colpiscono sia i pendolari che percorrono quotidianamente la Pontina sia i residenti della vicina Pomezia, il tutto nell’ambito della riserva naturale di Decima Malafede”. Cosi’ in una nota Laura Corrotti, consigliere Lega Regione Lazio.