Covid-19. Righini-Grasselli (FDI): “Il Nomentana Hospital non è struttura idonea”

Più informazioni su

    “Il Nomentana Hospital non è struttura idonea alla gestione dell’emergenza Covid-19, come già evidenziato da Fdi sin dal 26 marzo e come sostiene la stessa struttura, che oggi in un comunicato accusa la Regione e la ASL di non aver mantenuto gli impegni presi quando ha trasferito i pazienti covid-positivi da Nerola, a parte poche decine di tamponi e due infermiere (per meno di una settimana di servizio prestato) a fronte dei 350 pazienti ricoverati.

    Colpisce negativamente l’inoperatività del presidente Zingaretti e dell’assessorato alla sanità, che persistono sulla discutibile strada intrapresa ignorando anche il duro comunicato dei sindacati CGIL CISL E UIL, che hanno denunciato il totale abbandono del personale all’interno della struttura da parte delle autorità regionali”.

    Così in un comunicato Giancarlo Righini, consigliere regionale di Fdi alla Regione Lazio, Micol Grasselli consigliere di Fdi alla Città Metropolitana di Roma.

    “Ricordiamo inoltre che a seguito delle polemiche dei giorni scorsi, sono state inoltrate richieste formali al presidente Zingaretti e all’assessore alla sanità D’Amato, esigendo risposte concrete circa la messa in sicurezza della struttura e la fornitura dei dispositivi di protezione  indispensabili a preservare dal contagio medici e sanitari.

    A questo nostro allarme la Regione Lazio non ha risposto, di conseguenza giustamente, il sindaco di Fonte Nuova Piero Presutti, ha emesso un’ordinanza in cui obbliga la Regione e la ASL Roma 5 ad eseguire controlli e tamponi a tappeto in tutta la struttura su pazienti, operatori sanitari e  altro personale, esposti al rischio di contagio.

    A sostegno dei medici impegnati e della cittadinanza di Fontenuova, Fratelli d’Italia ribadirà in Commissione Sanità l’urgenza di un tempestivo intervento che risolva l’emergenza in atto al Nomentana Hospital.

    A questo proposito suggeriamo a tutti coloro che nei giorni scorsi hanno sferrato inutili attacchi contro l’amministrazione comunale, di concentrarsi nel  richiedere con la stessa veemenza risposte chiare e concrete a coloro che li rappresentano in Regione Lazio” conclude la nota.

     

    Più informazioni su