Quantcast

Craxi: Ostia simbolo del fallimento 5 Stelle

Più informazioni su

    Ostia: Craxi (Psi), simbolo del fallimento 5 Stelle. L’autonomia fondamentale per il rilancio; Roma non volti le spalle al suo mare –

    “Il Rilancio di Ostia continua a rappresentare  una straordinaria  opportunità per Roma. É – secondo Bobo Craxi, candidato del Psi alle prossime elezioni amministrative – un altro cuore battente della  Capitale che si affaccia  sul mare, un privilegio che pochissime metropoli europee possono vantare, eppure è apparso che Roma abbia voltato le spalle ad Ostia;  non ha ancora una vocazione turistica adeguata e la sua gestione amministrativa negli anni è risultata assolutamente inefficace.

    “Per questo – aggiunge Craxi – noi siamo favorevoli ad un progetto che preveda, nell’ambito del completamento della riforma di Roma Capitale, una piena autonomia ai Municipi, in particolare a questo territorio che per il rilancio turistico ed economico deve essere gestito con autonomia e maggiori risorse”. Così in una nota Bobo Craxi, capolista del Psi alle prossime comunali di Roma, oggi ad Ostia per incontrare i cittadini.

    “Cinque anni di gestione Cinque Stelle – ha dichiarato Craxi – hanno purtroppo dato il colpo di grazia a questa città, soprattutto nelle periferie rimaste nel degrado e nell’abbandono. E’ mancata una visione del futuro della Capitale e ad Ostia da questo punto di vista si tocca con mano il fallimento a cinquestelle ; è il Municipio simbolo di questa mancanza di un piano di sviluppo e di una politica efficace”.

    “Noi contribuiremo – promette Craxi – a rilanciare il turismo verso il mare e l’immenso patrimonio custodito negli scavi di Ostia Antica, che rappresentano una continuità con le bellezze di Roma. C’è una vecchia consolidata presenza dei Socialisti nel litorale, torneranno a far sentire la propria voce. E tutto  questo sarà possibile a maggior ragione rafforzando  il ruolo di Roma che oggi non è capitale metropolitana, non è capitale di provincia e non gode degli stessi vantaggi di cui potrebbe godere una città-regione”, conclude Craxi.

     

    Più informazioni su