Quantcast

D’Amato: incidenza trainata da fascia bassa perchè ancora senza vaccino

Roma – “E’ un nuovo strumento di elaborazione dei dati sull’incidenza, sulle mortalità e sull’andamento della curva per consentire a tutti i nostri professionisti, a tutti gli amministratori locali di avere in mano un modo per analizzare anche l’andamento molto raffinato.”

“Da questi dati si evince come in questo momento l’incidenza sia trainata soprattutto dalla fascia di popolazione più bassa che finora non è stata sottoposta alla vaccinazione ed ecco perché anche grazie alla collaborazione con l’ospedale pediatrico Bambino Gesù daremo delle indicazioni in relazione all’importanza di vaccinare la fascia 5-11 anni”.

Lo ha detto l’assessore alla Sanità della regione Lazio, Alessio D’Amato, in occasione della presentazione della nuova Dashboard per la sorveglianza Covid-19 del Lazio, realizzata in collaborazione tra dipartimento di epidemiologia (Dep) del Servizio sanitario regionale Asl Roma 1 e Servizio regionale per la sorveglianza delle malattie infettive (Seresmi) sulla base dei dati di sorveglianza Covid-19 regionale/Iss.

Nel corso dell’evento è stata inoltre presentata la nuova campagna di comunicazione sia video che social per la vaccinazione pediatrica nella fascia di età 5-11 anni, realizzata in collaborazione con l’ospedale pediatrico Bambino Gesù.

In merito all’andamento della campagna vaccinale nel Lazio, D’Amato ha affermato che “la campagna sta andando molto bene, ben oltre la soglia target del commissario Figliuolo. Stiamo correndo velocemente, anche nella giornata di ieri ci sono state 12mila vaccinazioni in più rispetto alla soglia target e noi ci aspettiamo una buona adesione da parte delle famiglie che già stanno rispondendo, perché le nostre Faq che sono state messe sui social sono state visitate da oltre 400mila utenti, per cui evidentemente c’è una grande attenzione”, ha concluso. (Agenzia Dire)