De Santis: Salvini in spiaggia, noi rafforziamo anagrafe con assunzioni

Roma – “Oggi Matteo Salvini, tra un mojito e un daiquiri, vara a Sabaudia la prima tappa de ‘l’Estate Italiana Tour’, il nuovo agone politico agostano. Noi, nel nostro piccolo, insieme al Dipartimento Risorse Umane, proseguiamo il percorso finalizzato a rafforzare i servizi per i cittadini. Tra gli 816 neoassunti che hanno firmato nei giorni scorsi, almeno 76 persone saranno inviate a lavorare per le attivita’ dell’Anagrafe. Si aggiungeranno cosi’ alle 50 unita’ di personale gia’ dislocate tra gli uffici municipali negli scorsi mesi proprio per rafforzare i servizi anagrafici. Si tratta di una tra le diverse azioni di sistema che stiamo producendo per assicurare un’efficienza sempre maggiore. Abbiamo gia’ incrementato il numero delle postazioni di lavoro per il rilascio delle carte d’identita’ elettroniche e, nel contratto decentrato siglato nelle scorse settimane, e’ stata prevista la riapertura delle casse utilizzando personale interno neoassunto”. Cosi’ l’assessore al Personale di RomaCapitale, Antonio De Santis, su Facebook. “A cio’- prosegue- bisogna aggiungere il protocollo d’intesa con il Poligrafico (Ipzs), che ha assicurato la presenza di nuovi operatori a supporto del servizio. In questo modo i cittadini vengono contattati per confermare o meno l’appuntamento, poiche’ si tratta di uno dei fenomeni che incide sui tempi d’attesa dell’emissione. La bonta’ di queste misure e’ evidenziata dai numeri. In otto mesi sono piu’ che raddoppiate le Carte di identita’ elettroniche emesse: si e’ passati da 16.298 del settembre 2018 alle 34.746 del maggio 2019. Gli sportelli hanno registrato un consistente incremento della produttivita’: nel 2018 venivano emesse in media 6,5 carte per postazione, nel maggio 2019 si e’ arrivati a 9,8”. “Nell’aprile 2019- conclude De Santis- sono stati contattati 16.462 cittadini per confermare o meno l’appuntamento, liberando cosi’ 1.203 spazi in seguito a rinuncia. Con il lavoro dei nuovi operatori nel mese di maggio 2019 sono stati contattati 23.045 cittadini e, di conseguenza, attivati 1.666 nuovi appuntamenti. Ma non intendiamo certamente fermarci qui. Stiamo studiando e valutando nuove misure – a supporto degli ufficiali di anagrafe e stato civile che vanno ringraziati per la professionalita’ e il lavoro che svolgono quotidianamente – e nuovi interventi che consentiranno di consolidare e implementare ancor di piu’ i servizi anagrafici. Un lavoro messo a punto e graduato in relazione ai bisogni dei cittadini”.