Quantcast

Di Berardino: Regione Lazio ha puntato su beni culturali

Roma – Alla giornata di archeologia pubblica presso il porto santuario di Pyrgi, a Santa Severa, ha partecipato anche l’assessore della Regione Lazio a Scuola e Formazione, Claudio Di Berardino, che ha voluto sottolineare come “questi scavi sono un grande progetto di sviluppo e raccontano una grande forza di questa Regione.”

“Da nord a sud del nostro territorio abbiamo una delle più grandi concentrazione di beni artistici e archeologici che esista in tutta la Terra, ma questo patrimonio è inerte se lo lasciamo a se stesso. Siamo una superpotenza dei beni culturali, ma con una occupabilità al di sotto della media europea nel settore culturale e questo è un paradosso”.

Nel Lazio “abbiamo fra le migliori scuole archeologiche del mondo, tra cui la facoltà di Scienze archeologiche della Sapienza di Roma, ma poi i nostri giovani archeologi devono andare via per trovare lavoro nonostante tutto ciò che c’è ancora nel Lazio da scoprire”.

Per questo la Regione ha investito, fra le altre iniziative, nel progetto ‘Lazio antico’ “per realizzare la mappatura completa di tutte le aree archeologiche del Lazio effettuata dagli studenti universitari attraverso le borse di studio regionali con un contributo complessivo di circa 500 mila euro”.

Altri 42 milioni di euro sono stati destinati al finanziamento di un “distretto tecnologico per i beni culturali per mettere in rete università, centri di ricerca, industrie culturali e creative, imprese digitali e creative, comuni e altri enti pubblici e privati; una delle più grandi infrastrutture europee dedicate alle valorizzazione dei beni culturali”. (Agenzia Dire)