Quantcast

Disabilità, graduatoria lascia senza assegno almeno 700 famiglie

Più informazioni su

Roma  – 700 euro in meno: cosi’ Sirio – insieme a 1.500 cittadini romani – perde l'”assegno per la disabilita’ gravissima”. E non si capisce perche’. La denuncia arriva da sua mamma, Valentina, che ha creato e gestisce il blog e da poco anche la fondazione “Tetrabondi”, con cui si batte per i diritti di suo figlio e di chi, come lui, ha una grave disabilita’ ad alto carico assistenziale.

“Da circa due mesi siamo stati tagliati fuori da questo contributo economico, con l’uscita delle nuove graduatorie per l’anno in corso – scrive Valentina – Non essendo cambiate le condizioni, siamo corsi increduli a guardare questo pdf in grado di decidere sulla sopravvivenza economica di centinaia di famiglie in una condizione di estrema fragilita’, per renderci conto che non solo la meta’ delle famiglie del bacino romano e’ tagliato fuori (pagheranno circa 1.500 persone su 3.000) ma che la graduatoria tanto attesa, per la prima volta in tre anni e’ priva di punteggio visibile”.

Incomprensibile, per Valentina: “Come e’ possibile che ci sia una graduatoria senza punteggio? Come e’ possibile che vengano cambiati i criteri di assegnazione in corso d’opera e che sfumi la possibilita’ degli utenti di sapere il proprio punteggio? Siamo a conoscenza di decine di famiglie in condizioni anche piu’ complesse della nostra, perche’ in ventilazione meccanica, che da un giorno all’altro si son trovate private di questo contributo economico che e’ gia’ una miseria in confronto a quel che si necessita in simili situazioni.”

“La cosa piu’ preoccupante e’ l’opacita’ con cui tutto questo sta avvenendo e le risposte vaghe dei servizi sociali responsabili di questo, che non si son presi nemmeno la briga di allertare i loro utenti, aspettando che se ne accorgessero da soli”.

Assegno gravissimi: cos’e’ e perche’ non se ne puo’ fare a meno L’assegno in questione e’ un contributo di 700 euro mensili, finanziato dalla regione Lazio, che da circa tre anni il comune di Roma riconosce ai cittadini con disabilita’ gravissima.

Ottenerlo non e’ semplice: “Non un percorso facile produrre tutta la documentazione necessaria per l’assegnazione del punteggio – riferisce Valentina – stabilito fondamentalmente sulla gravita’ della condizione e la non autosufficienza, e poi sui parametri socio-ambientali ed economici stabiliti dall’Isee. Punteggio che cresce ovviamente con la presenza di quegli ausili, come la tracheostomia e la gastrostomia, che permettono di gestire respirazione e nutrizione, altrimenti impossibili, e che necessitano di una gestione continua e al bisogno”.

Ora, insieme a 1.500 assegni, e’ sparito anche il punteggio che normalmente accompagna (e giustifica) la graduatoria: “Pretendiamo invece che questa graduatoria venga tirata fuori dalle nebbie – e’ l’appello di Valentina – che sia chiara e con un punteggio visibile, che il dipartimento delle politiche sociali del Comune di Roma si assuma le sue responsabilita’ con le famiglie che hanno in carico da anni, e che si comprenda la necessita’ urgente di riconoscere la figura del caregiver”.

Il Campidoglio: “La Regione ha trasformato graduatoria in elenco” Redattore Sociale ha recapitato la denuncia della situazione, gia’ riportata e commentata lo scorso anno, al Campidoglio, che oggi replica cosi’, tramite il delegato della Sindaca all’Accessibilita’ universale Andrea Venuto: “Molti cittadini hanno giustamente fatto notare che la graduatoria per l’assegnazione del contributo, in effetti, non e’ tale.”

“In realta’, mentre Roma Capitale negli anni passati aveva potuto valutare la situazione di effettivo bisogno assistenziale delle singole persone, dopo il recepimento delle nuove linee guida della Regione Lazio di fatto viene considerato quasi unicamente il criterio Isee, dando priorita’, tra l’altro, a chi ha gia’ avuto il contributo negli anni passati. Un cambiamento voluto dalla Regione, che ha trasformato in un elenco quella che era una graduatoria con punteggio”.

I fondi per la disabilita’ gravissima sono nazionali e le Regioni hanno la responsabilita’ di ripartirli in modo omogeneo tra i diversi Comuni del territorio. La responsabilita’ dell’assegnazione e’ dunque delle regioni. Nello specifico, spiega l’assessora alla Persona, Scuola e Comunita’ Solidale di Roma Capitale Veronica Mammi’: “La Regione Lazio, oltre ad aver stravolto le regole di assegnazione del contributo economico per le persone con disabilita’ gravissima, ancora una volta non da’ il giusto riconoscimento ai bisogni dei cittadini della capitale.”

“Di fronte alle oltre 3.100 persone che hanno i requisiti per ricevere il contributo nel 2021, la Regione Lazio ha assegnato a Roma fondi esigui, di cui tra l’altro l’ultima tranche e’ arrivata solo pochi giorni fa. Con queste risorse riusciremo a soddisfare esclusivamente le circa 2.400 persone in continuita’ assistenziale, ovvero coloro che hanno gia’ ricevuto il contributo nel 2020.”

“Una situazione inaccettabile, di fronte a cui la Regione Lazio non puo’ piu’ indugiare”, dichiara l’assessora. L’Amministrazione Capitolina chiede dunque che la Regione Lazio riveda al piu’ presto i criteri con cui ha ripartito i fondi nazionali, cosi’ da poter includere le oltre 700 persone che avrebbero i requisiti ma che ad oggi comunque non potranno ricevere il contributo per la disabilita’ gravissima. (www.redattoresociale.it)

Più informazioni su