RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Fatebenefratelli, nuove locali per migliorare accesso a servizi

Più informazioni su

«Si tratta di un passaggio importante che faciliterà l’accesso ai servizi ai 300 mila cittadini che usufruiranno ogni anno delle prestazioni dei nuovi ambulatori: alcuni di questi, infatti, oggi operano nella Zona a Traffico Limitato di Trastevere, con difficoltà di accesso per gli utenti; inoltre, lo spostamento di altri ambulatori dalla sede dell’Isola Tiberina favorirà il decongestionamento di quell’area pedonale». Così in una nota Carlo Maria Cellucci, direttore Generale dell’Ospedale sottolineando come domani si terrà il «taglio del nastro con il sindaco di Roma Capitale Gianni Alemanno in occasione della solennità di San Giovanni di Dio, Fondatore dell’Ordine Ospedaliero dei Fatebenefratelli, per l’inaugurazione dei nuovi locali dell’Ospedale San Giovanni Calibita allestiti nel palazzo di Lungotevere dè Cenci 5. L’edificio è stato appena ristrutturato per accogliere il trasferimento degli Uffici e degli Ambulatori del Nosocomio dalle sedi dell’Isola Tiberina e dintorni, in questa nuova location sul Lungotevere». «Questi gli ambulatori che presteranno servizio nei nuovi locali: endocrinologia, neurologia, otorinolaringoiatria, ostetricia, ginecologia, pediatria, cardiologia, chirurgia, ortopedia, dermatologia, oculistica, odontoiatria, centro ecografico, laboratorio di analisi. Un ampliamento sostanziale verrà dato alla sezione delle Biotecnologie con tutte le attività che riguardano la citogenetica e la biologia molecolare – prosegue la nota Un grande sala prelievi offrirà una migliore accoglienza agli utenti di questo servizio, sempre numerosi. L’Ospedale San Giovanni Calibita Fatebenefratelli, solo nel 2009, ha registrato oltre 20 mila ricoveri ordinari; circa 4 mila ricoveri in Day Hospital; oltre 900 mila prestazioni ambulatoriali in convenzione; 40 mila accessi di pronto soccorso; 14 mila interventi chirurgici. Nel nuovo palazzo sul Lungotevere, una struttura a 5 piani di oltre 5000 mq, si sono già trasferiti circa 150 dipendenti dell’amministrazione dell’Ospedale; mentre gli ambulatori saranno operativi entro l’estate del 2011».

Più informazioni su