Quantcast

Fdi: Atac deve predisporre cabine sicure e controllo passeggeri

Roma – “L’ennesima aggressione violenta ai danni di un conducente in servizio induce la domanda: cosa altro di peggio deve accadere prima cha Atac e Comune di Roma approntino efficaci misure di sicurezza? E’ finito al pronto soccorso in codice giallo l’autista del bus della linea 82 colpito a pugni da un passeggero ieri sera a piazza dei Cinquecento.”

“Un grave episodio che poteva avere conseguenze ancora peggiori, scongiurate solo dall’intervento delle forze dell’ordine allertate da altro personale dell’azienda, presenze dovute all’importanza del capolinea e alla vicinanza con la stazione Termini.”

“Ma in molte altre situazioni gli autisti si trovano da soli ad affrontare violenti esagitati. Urge dotare tutte le vetture di cabine guida, realmente sicure, dove il conducente possa tenersi a distanza dei malintenzionati.”

“Gli interventi fatti in officina sugli abitacoli, con catenelle dissuasori, serrature applicate sui pannelli, sono insufficienti e presentano problemi di omologazione. Oltre che sulla tutela dell’incolumità del personale, Atac e Comune di Roma, in collaborazione con Vigili Urbani e Questura devono ragionare su un sistema di controlli a bordo dei mezzi per garantire anche ai passeggeri legalità e sicurezza”. Così in un comunicato Fabrizio Ghera, capogruppo di FdI alla Regione Lazio.