Quantcast

Fdi, Figliomeni: cimiteri, aperte indagini su ritardo cremazioni

Roma – “Apprendiamo l’apertura di due indagini da parte della Procura sul ritardo delle cremazioni nei cimiteri. Rivendichiamo con orgoglio l’aver presentato due esposti alla Procura della Repubblica, alla Corte dei Conti ed al prefetto di Roma perché noi non abbaiamo alla luna, ma studiamo documenti e provvedimenti e, leggendo le carte, era già emersa tutta l’inadeguatezza e l’incompetenza della Sindaca Raggi e dei 5 Stelle al governo della Città.”

“Da chi ieri, anche in modo patetico, ha esordito con un ‘perdonali Gigi’ ci saremmo aspettati lo stesso trattamento per le 600 urne ancora in coda. Si vergognino! E si vergognino i grillini che si sono presentanti come ‘portavoce dei cittadini’ e che, invece, si mettono sull’attenti solo dinanzi a qualcuno che riveste o ha rivestito una carica pubblica.”

“Fra l’altro, un documento della Direzione operativa datato 2019 sbugiarda la loro versione che, solo adesso, si è aperto il vaso di Pandora e tutti i problemi sono risolvibili. Sono trascorsi cinque anni di inconcludente e sono passati due anni, due anni in cui si poteva fare qualcosa e non si è fatto nulla.”

“Quattro anni, poi, dopo la famosa memoria di Giunta in cui, anche in base ai nostri tantissimi atti, l’allora Assessore Montanari metteva in guardia l’amministrazione della situazione caotica in cui versavano i cimiteri capitolini.”

“Già allora si parlava di interventi imprescindibili per garantire il servizio quali l’ammodernamento dei forni crematori e l’implementazione di nuove linee di cremazioni, l’ampliamento del cimitero Laurentino e la realizzazione di altri due cimiteri.”

“Tutte cose di cui il Sindaco Raggi e la sua Amministrazione sapevano e non hanno fatto nulla. Tutto questo, la loro incapacità ha fatto sì che i familiari dei defunti non trovino conforto, non percepiscano la conclusione del lutto e si sentano abbandonati dalle istituzioni”. Lo dichiara Francesco Figliomeni consigliere di Fratelli d’Italia e vice presidente dell’Assemblea.