Quantcast

Festa Cinema Roma fa ‘goal’ con Totti, Cannes e Bowie

Roma – In un momento particolare come quello che sta affrontando il mondo a causa della pandemia, la quindicesima edizione della Festa del cinema di Roma si presenta ottimista, rassicurante e con anticipazioni che promettono un grande evento. Alleanza con il Festival di Cannes, l’incontro con Francesco Totti, l’anteprima del film ‘Stardust’ su David Bowie di Gabriel Range con protagonista Johnny Flynn. Senza dimenticare l’omaggio al genio Ennio Morricone e i restauri di due grandi pietre miliari del cinema: ‘In nome della legge’ di Pietro Germi e ‘Padre padrone’ di Paolo e Vittorio Taviani.

Queste sono solo alcune delle anticipazioni sulla nuova edizione annunciate, in una press conference su Zoom, dal direttore artistico della kermesse Antonio Monda, d’intesa con Laura Delli Colli, presidente della Fondazione Cinema per Roma, e Francesca Via, direttore generale. La manifestazione cinematografica -che quest’anno fa parte di Romarama, il programma di eventi culturali promosso da Roma Capitale- si terra’ dal 15 al 25 ottobre all’Auditorium Parco della Musica.

La kermesse capitolina, salvo imprevisti, si fara’ ma c’e’ chi come il direttore Thierry Fremaux si e’ visto costretto ad annullare il Festival di Cannes. Il lavoro che c’e’ stato dietro alla selezione dei film e all’intera organizzazione non e’ andato pero’ perduto. Il #RomaFF15 ospitera’ alcuni film della Selezione Ufficiale di Cannes (accompagnati dai rispettivi talent, Covid permettendo) in un evento speciale dedicato alla celebre manifestazione francese: i titoli saranno presentati dal delegato generale Fre’maux.

“Per noi e’ un grande onore poter collaborare con il piu’ importante festival cinematografico del mondo e avere Thierry Fre’maux a Roma per presentare le pellicole”, ha commentato Monda. Entusiasmo condiviso anche da Fremaux, che ha dichiarato: “In quest’anno cosi’ particolare e’ importante sostenere i film e le sale cinematografiche cosi’ come essere vicini agli artisti e agli spettatori. Roma, con la sua Festa, la sua storia e il suo spirito, il cinema e’ piu’ vivo che mai”.

Fra le opere della prossima edizione- che conferma tutte le sezioni che animano ogni anno l’Auditorium e gli altri luoghi della Capitale- ci sara’ l’attesissimo ‘Mi chiamo Francesco Totti’ – tratto dal libro del ‘Pupone’ ‘Un Capitano’- scritto e diretto da Alex Infascelli, pluripremiato regista di ‘Almost Blue’ e ‘S Is for Stanley’. Un racconto intimo, con la voce narrante dell”ottavo re di Roma’, sulla sfera personale e professionale. L’ex giocatore della Roma non solo presentera’ il film ma sara’ protagonista della sezione ‘Incontri Ravvicinati’ con il pubblico, durante cui parlera’ del calcio ma anche del suo rapporto con il cinema.

La festa celebrera’ un’altra icona pop: David Bowie. Il regista e il protagonista verranno a Roma per presentare il film sul ‘Duca bianco’, ‘Stardust’. Ad animare le sale dell’Auditorium ci sara’ anche la sezione ‘Restauri’, che proiettera’ ‘In nome della legge’ di Pietro Germi, nella versione restaurata da CSC – Cineteca Nazionale, e ‘Padre padrone’ di Paolo e Vittorio Taviani, restaurato da CSC – Cineteca Nazionale e Istituto Luce Cinecitta’. E ancora, Satyajit Ray, considerato uno dei piu’ maggiori cineasti della storia della settima arte, sara’ protagonista di una retrospettiva, a cura di Mario Sesti.

Dopo il successo dello scorso anno, alla quindicesima edizione “torneranno i ‘Duel’ (in cui personalita’ della cultura si sfideranno a coppie rivelando davanti al pubblico opinioni divergenti su temi legati al grande schermo e all’audiovisivo in generale, ndr) e ‘Fedelta’/Tradimenti’ (in cui scrittori e attori commenteranno la trasposizione cinematografica di celebre opere letterarie, ndr)”, ha anticipato Monda.

“Tra gli ospiti avremo il premio Strega Nicola Lagioia che parlera’ di Truman Capote sia come personaggio che come autore. Inoltre- ha continuato il direttore artistico- avremo come ospite anche Michela Murgia che parlera’ di Stephen King”. Monda promette che sara’ un’edizione quanto piu’ normale possibile, sempre nel rispetto delle norme di sicurezza. Come sempre, il red carpet della festa sara’ calcato da celebrita’ internazionali e nazionali.

“Molti talent americani ci hanno dato la loro disponibilita’, salvo imprevisti dovuti dall’emergenza sanitaria”. La festa, come ribadisce sempre il direttore, e’ per il pubblico ma “se saremo costretti, dovremmo attenerci alle regole e ridurre il numero dei partecipati”. La kermesse non e’ fatta solo di film ma anche dell’attesa passerella delle star sul red carpet, che ogni anno e’ gremito di gente in attesa di foto e autografi. “Per rispettare il distanziamento sociale verra’ messo a disposizione del pubblico la cavea superiore dell’Auditorium in cui le persone potranno seguire il tappeto rosso seduti distanziati”, ha detto Francesca Via, che ha aggiunto: “la festa si svolgera’ sia in presenza che in remoto. Per questo prevediamo il programma anche su una piattaforma”.