RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Figliomeni: ancora chiusure su Metro A, centro soffre

Roma – “Continua la via crucis delle linee della metropolitana, con il conseguente disagio dei cittadini romani ancora in citta’ per lavoro e dei turisti in vacanza nella Capitale. Infatti dopo le ben note chiusure delle maggiori stazioni del centro dei mesi passati, con quella di Barberini snodo importante per la quale ancora non si vede ‘luce’, il centro storico torna ad essere off limits. Da oggi infatti, entra in funzione la fase piu’ pesante per l’impatto del trasporto pubblico, a causa dei lavori di manutenzione straordinaria della Linea A, tanto che fino a lunedi’ 19 agosto la circolazione verra’ interrotta tra le stazioni di Ottaviano- e quindi San Pietro e i Musei Vaticani- e San Giovanni, escludendo quindi il centro storico della Capitale”. Cosi’ in un comunicato Francesco Figliomeni, consigliere di Fratelli d’Italia e vice presidente dell’Assemblea Capitolina. “Ma le problematiche non finiscono qui, perche’ dal 20 al 25 agosto, periodo che coincide anche con diversi rientri dalle vacanze dei romani- ha aggiunto- e’ in programma l’ultima trance di lavori tra Termini e Battistini, l’altra meta’ della linea, e i convogli transiteranno soltanto tra Termini e Anagnina, lasciando tagliato fuori dal trasporto pubblico su ferro tutto il territorio all’interno delle Mura Aureliane. Disagi su disagi per i cittadini e i turisti, che devono affidare i propri spostamenti alle navette sostitutive di superficie che presentano non poche criticita’, vedi le interminabili attese, i tempi di percorrenza molto lunghi e dulcis in fundo la ressa nelle ore di punta. L’ennesimo flop della gestione grillina, infatti basterebbe fare una consueta manutenzione ordinaria e non ‘straordinaria’ delle metropolitane, per ovviare a questi problemi non di poco conto, che come sempre ricadono sulle spalle dei cittadini che sono costretti a vivere tutto il disagio a causa di un’amministrazione incapace di mettere in piedi delle soluzioni intelligenti e non come sempre in emergenza”.