RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Figliomeni: non si può pagare tasse verde se lavoro fatto da cittadini

Roma – “La penosa gestione del verde pubblico cittadino che lascia giardini, ville e parchi incolti sembrerebbe aver trovato soluzione… almeno per l’Amministrazione pentastellata. Una nuova idea scaturita dalle geniali menti della Giunta capitolina lo dimostra dopo aver approvato ieri il primo regolamento del verde e del paesaggio urbano che dovra’ passare ora in Aula Giulio Cesare. Fin qui nulla da dire. Un risultato storico secondo le parole del Sindaco Raggi”.

“Ma poi quando si arriva a scorrere il testo salta agli occhi un capitolo speciale in cui i cittadini potranno sostituirsi all’Ama spazzando il fronte stradale e tra l’altro gli stessi, singoli o in gruppi, potranno offrire la propria disponibilita’ a svolgere gratuitamente attivita’ di recupero, pulizia e riqualificazione del verde urbano. Tutto bello. Viene soltanto da chiedersi perche’ allora pagare le tasse comunali se poi i vari servizi pubblici li devono curare i cittadini”.

E’ troppo comodo nascondersi dietro un pseudo senso civico sbandierato dal M5s, che in questo modo vuole nascondere le proprie manchevolezze. Cosi’ dopo le pecore tosaerba, la funivia, le buche che vanno ‘doverosamente’ evitate dagli automobilisti arriva anche il filone verde pubblico che sara’ autogestito dai cittadini. Avanti tutta con la fantasia!”. Cosi’ in un comunicato Francesco Figliomeni, consigliere capitolino di Fratelli d’Italia e Vice Presidente dell’Assemblea capitolina.