Quantcast

Fit Cisl: rispettiamo Tar, ma problemi invariati

Più informazioni su

Roma – “Rispettiamo le decisioni del Tar del Lazio in merito all’ordinanza dei rifiuti della Regione, ma i problemi sulla chiusura del ciclo e sulla loro gestione e smaltimento, sul territorio, restano invariati: era maggio del 2019 quando abbiamo iniziato a proporre un ‘Patto per il decoro della città’, una serie di proposte pragmatiche e concrete su cui intavolare un dialogo, che sono cadute nel vuoto.”

“Tuttavia non ci stanchiamo, e ribadiamo con ancora maggior forza la volontà di partecipare a un’azione coordinata per il bene di Roma: serve un’alleanza tra le Istituzioni, il management di Ama e i sindacati per restituire alla città la dignità di una capitale europea, nell’interesse dei cittadini, di quasi 8mila lavoratori, della collettività. Ogni azione divisiva e non coordinata costituisce una perdita per tutti”.

E’ quanto dichiara il Segretario Generale della Fit-Cisl del Lazio, Marino Masucci, aggiungendo che “purtroppo il nostro appello di due anni fa resta invariato. Riteniamo urgente e imprescindibile che siano elaborate risposte economiche, finanziarie e organizzative condivise e concrete.”

“Resta inoltre il problema dell’impiantistica: Roma è, insieme ad Atene, l’unica Capitale europea che non chiude il ciclo dei rifiuti, e i cittadini pagano una tassa altissima per far sì che gli scarti siano trasferiti altrove, ed è necessario uno sforzo comune per mettere in campo azioni che vadano nel senso dell’economia circolare”.

“In un momento di seppur lenta ripartenza, come quello attuale- conclude il sindacalista- lo sforzo dovrebbe essere massimo per liberare la città dai rifiuti in eccesso, per risolvere le criticità, per facilitare l’attività di migliaia di lavoratori che talvolta affrontano situazioni insostenibili”.

Più informazioni su