Fit-Cisl: va programmata ripartenza comparto aereo

Più informazioni su

Roma, 21 apr. – “La ripartenza post-crisi nel settore del Trasporto aereo interessa particolarmente la nostra Regione, che con gli aeroporti di Fiumicino e Ciampino ospita migliaia di addetti al comparto: e’ dunque di vitale importanza provvedere al suo rilancio non solo per quanto riguarda Alitalia, che resta il perno centrale, ma per quanto riguarda tutto il sistema nella sua complessita’. L’azzeramento di quasi tutte le attivita’ legate al Trasporto aereo nel mondo puo’ essere un’occasione unica per ridisegnare nuovi e piu’ virtuosi equilibri”. Lo ha dichiarato il Segretario Generale della Fit-Cisl di Roma e Lazio, Marino Masucci, nel corso del suo intervento all’assemblea telematica “Il Trasporto aereo ai tempi del Covid-19 tra crisi e futuro”, organizzata dal PD sulla piattaforma digitale “Zoom”.

“Il rilancio del comparto – ha proseguito il sindacalista – deve ovviamente avvenire nel rispetto della contrattazione collettiva, dei diritti dei lavoratori e degli anelli piu’ deboli, ovvero gli stagionali: ne va del futuro di migliaia di famiglie sul territorio e della preservazione di un volano occupazionale ed economico di importanza strategica, anche nell’ottica della ripresa del turismo”. “Per quanto riguarda Alitalia – ha concluso Masucci – accogliamo positivamente la prospettiva della nazionalizzazione, purche’ sia effettuata secondo una logica di ‘numeratore’ e non di ‘denominatore’, ovvero pensando all’elaborazione di un piano industriale solido e credibile, effettuato da un management capace: pensare soltanto alla riduzione dei costi non e’ stata ne’ sara’ mai una strategia vincente”.

Più informazioni su