Fiumicino e Ciampino primi aeroporti al mondo per prevenzione

Roma – “Importante riconoscimento internazionale per gli aeroporti di Fiumicino e Ciampino nella lotta alla diffusione del Covid-19 e alla prevenzione per il rischio biologico da agenti patogeni. I due scali romani gestiti da ADR sono i primi al mondo ad ottenere la certificazione Biosafety Trust, rilasciata dall’organismo di certificazione Rina Services, relativa alla corretta applicazione del sistema di prevenzione del contagio dovuto alle infezioni da agenti biologici”. Lo scrive in una nota la societa’ Aeroporti di Roma, spiegando che il riconoscimento “dimostra come i protocolli e le misure adottate al ‘Leonardo da Vinci’ e al ‘G.B. Pastine’ siano all’avanguardia nelle procedure di contenimento alla diffusione dei virus e rappresentino un esempio di best practice da prendere a riferimento per ridurre al minimo i rischi di diffusione delle epidemie”.

Questa certificazione e’ stata ottenuta “dopo un’attenta istruttoria di verifica da parte di Rina, che ha preso in esame l’articolato Sistema di Gestione per la Prevenzione e il Controllo delle Infezioni, implementato da Aeroporti di Roma al fine di contenere la diffusione di tutti i possibili agenti patogeni che potrebbero essere veicolati in aeroporto, dai virus meno pericolosi e fino a quelli piu’ nocivi come Ebola, il Bacillus Anthracis e il Sars-Cov2 (Covid-19). Gli ispettori di RINA in prima battuta hanno acquisito tutta la documentazione sulle procedure e i protocolli operativi a Fiumicino e Ciampino. Hanno quindi verificato la conformita’ agli standard internazionali di riferimento su cui si basa questo innovativo schema di certificazione (ISO 31000 – risk management e ISO 22301 – business continuity). Infine, hanno accertato, attraverso ispezioni sul campo, la corretta applicazione di tutte le procedure”.

Come spiega ancora Adr, al termine dell’istruttoria, Rina ha certificato: “Il Sistema di Gestione della Prevenzione e Controllo delle Infezioni negli Scali aeroportuali di Fiumicino e Ciampino, finalizzato a minimizzare il rischio di contrarre patologie, correlate agli agenti patogeni individuati e potenzialmente connessi ai seguenti campi di attivita’: l’erogazione dei servizi aeroportuali, compresi i servizi direzionali e di supporto (pronto soccorso, servizi di terminal, controllo voli, sicurezza operativa, attivita’ di deicing e sollevamento aeromobili, gestione merci presso cargo city); la conduzione e manutenzione di impianti ed infrastrutture; la gestione dei sistemi ICT; le subconcessioni commerciali e immobiliari. Il coordinamento delle attivita’ di ingegneria, approvvigionamento e supervisione della realizzazione di opere infrastrutturali aeroportuali, delle attivita’ di assistenza ai passeggeri a ridotta mobilita’, dei controlli di sicurezza, delle attivita’ di pulizia, sanificazione e manutenzione del verde, dei servizi di mobilita’ e parcheggi”.

Secondo l’Amministratore Delegato di Adr, Marco Troncone, “siamo molto soddisfatti di questo risultato perche’ dimostra ancora una volta i livelli di eccellenza raggiunti dagli scali di Fiumicino e Ciampino anche in un settore fondamentale come quello della Salute e Sicurezza”.

Si tratta, ha aggiunto Troncone, “di una certificazione che riconosce lo sforzo dell’azienda che, durante l’emergenza, oltre ai protocolli prescritti dal Governo, ha adottato ulteriori misure per garantire la massima ampiezza e profondita’ degli interventi di prevenzione e per consentire agli scali della Capitale di continuare ad operare in condizioni di massima sicurezza”. Per l’amministratore delegato di Rina Services, Paolo Moretti, “consentire la ripresa del trasporto aereo in sicurezza e’ indispensabile per la ripartenza del Paese. Siamo fermamente convinti che dare a passeggeri e operatori un segno tangibile dell’impegno e dell’attenzione dedicati a minimizzare i rischi per la salute sia indispensabile per ritrovare la fiducia. Affrontando il percorso che ha consentito ad ADR di ricevere la certificazione volontaria Biosafety Trust, l’azienda ha compiuto un gesto di responsabilita’”.