Quantcast

Giannini-Giovagnorio: Parco Pineto insicuro, Zingaretti inaffidabile

Roma – “Gli effetti dell’inaffidabilità della giunta Zingaretti stavolta si sono abbattuti sui residenti del XIII Municipio che da tre anni attendono la realizzazione di una recinzione nel parco del Pineto che restituisca sicurezza e decoro all’intera area”. E’ quanto hanno dichiarato il consigliere regionale, Daniele Giannini, e il candidato alla presidenza dell’ex circoscrizione, Marco Giovagnorio, a margine del flash mob organizzato in mattinata all’interno degli oltre 240 ettari gestiti da Roma Natura per denunciare le gravi inadempienze dell’amministrazione.

“Con un emendamento approvato nella legge di stabilità regionale nel dicembre 2018- continuano gli esponenti di Lega e Fratelli d’Italia- erano stati stanziati 450mila euro per proteggere il territorio di una delle oasi più affascinanti della capitale, già teatro di numerosi episodi delittuosi.”

“Da allora, malgrado i continui solleciti, le opere previste nella manovra di bilancio sono rimaste inattuate e il polmone verde, che si estende tra via Trionfale, Pineta Sacchetti e Valle Aurelia, è abbandonato all’incuria. Affinchè tornino prioritari l’incolumità pubblica e la tutela dell’ambiente- concludono Giannini e Giovagnorio- è imprescindibile che ai ballottaggi di sabato e domenica prossimi i romani premino, in Campidoglio e nel XIII Municipio, gli uomini del centrodestra”. (Agenzia Dire)