Quantcast

La Storta, Zingaretti: Comune Roma ignora periferie

Roma, 9 giu. – “Questi lavori li facciamo noi ma avrebbe dovuto farli il Comune di Roma, che delle periferie se ne frega e sottopone chi vive in questi quadranti della città a continue discriminazioni”. Nicola Zingaretti, di solito restio a fare polemiche, va dritto contro il Campidoglio. Lo ha fatto in occasione della presentazione dei lavori che la Regione Lazio eseguirà nel piano di zona La Storta-Stazione, area nel XIV Municipio e alla periferia nord della Capitale.

Qui, attraverso la partecipata Astral, verranno realizzate la riqualificazione e il completamento di opere stradali, oltre a un’area verde con giochi per bambini e un playground, per un investimento totale di 600mila euro.

“Grazie alla vostre lotte, che sono state utili anche a noi- ha detto il governatore del Lazio ai cittadini presenti- e scusate il ritardo, anche se non abbiamo responsabilità. Non è giusto che dei cittadini vengano abbandonati dalle istituzioni, soprattutto per diritti fondamentali come la casa, i trasporti, la salute, la scuola e quello a divertirsi.”

“Questa è una bella storia, perché finalmente queste lotte hanno una risposta concreta, e noi siamo qui per colmare quel vuoto tra diritto e offerta del servizio del quale hanno tutti diritto, a prescindere da dove vivono”.

Quello di La Storta “e’ il quarto cantiere dei piani di zona che parte- ha spiegato l’assessore regionale all’Urbanistica, Massimiliano Valeriani- dopo Massimina, Settecamini e Monte Stallonara. La prossima settimana partirà Castelverde, siamo pronti per farlo in tante altre situazioni: se il Comune ci da’ i progetti e le aree la Regione c’è. Questo è il nostro modo di essere presenti su Roma”.

L’intervento a Castelverde (Municipio VI) costerà 7,5 milioni, mentre per quanto riguarda quelli successivi: Torresina 2 (XIV Municipio) per 2 milioni di euro, Cesano (XV Municipio) per 3,5 milioni di euro, Piansaccoccia (XIV Municipio) per 2,5 milioni di euro e Colle Fiorito (XIV Municipio) per 3 milioni di euro. Si tratterà di opere per la realizzazione di vasche di laminazione, strade, rotatorie, pubblica illuminazione, tratti fognari e marciapiedi.