Lazio, Rete Studenti: lavoriamo con istituzioni per rientro in sicurezza foto

Roma – Una serie di azioni dimostrative davanti alle scuole per spiegare le ragioni dello sciopero dalla Dad e chiedere un rientro in sicurezza al piu’ presto. Oggi gli studenti e le studentesse di Roma e del Lazio, insieme a tutti gli studenti d’Italia, si mobilitano per continuare a tenere alta l’attenzione sui problemi della scuola.

“Nonostante i tanti interventi messi in campo per garantire le condizioni di sicurezza necessarie per il rientro, si conferma il problema strutturale della scuola italiana”, dichiarano i rappresentanti della Rete degli Studenti Medi del Lazio.

“Decenni di tagli sulla scuola hanno privato il mondo dell’istruzione degli strumenti necessari per combattere appieno una pandemia che gia’ di per se’ costituisce una situazione assolutamente straordinaria.”

“La didattica a distanza e’ uno strumento emergenziale che sul lungo termine aumenta le disuguaglianze e rende piu’ difficile l’accesso al diritto allo studio per tutte e tutti”. Per questo gli studenti hanno organizzato questa mattina delle azioni dimostrative davanti ai propri istituti, per rivendicare la centralita’ della scuola.

“La crisi sanitaria e’ un dramma- dichiarano- ma anche un’occasione per rimettere al centro i veri settori prioritari del paese, a partire proprio dalla scuola. Sono necessari investimenti strutturali ed e’ necessario ripensare il mondo della scuola a partire da chi lo vive quotidianamente nelle classi”.

Rispetto al confronto con le istituzioni, i rappresentanti degli studenti si dicono soddisfatti dei tavoli aperti in sede regionale. “Risulta in questo senso prezioso il confronto avuto pochi giorni fa con la Regione Lazio e l’assessore alla Scuola Claudio Di Berardino, che ci ha assicurato che ci sara’ un piano per i trasporti efficiente e funzionante, in aggiunta al progetto ‘Scuola Sicura’ che consente a tutte le ragazze e i ragazzi di prenotarsi per fare gratuitamente il tampone rapido presso la rete dei drive-in della Regione.”

“Il lavoro sinergico fra istituzioni e comunita’ scolastica in una fase cosi’ delicata e’ uno degli elementi fondamentali per garantire al piu’ presto il rientro in presenza e in sicurezza che tutti ci auspichiamo”.