Quantcast

Lega, Santori: in Ama non cambia nulla, giri di poltrone ma rimane caos

Più informazioni su

Roma – “Stessi nomi, giri di poltrone, stesso avvilente caos. L’azienda con nuovi ordini di servizio discutibili cerca di tappare le falle nel personale con un giro di promozioni facili sulle quali pesano ancora un volta le ombre del nepotismo e delle segnalazioni. Idem l’ordine di servizio riguardante i servizi cimiteriali romani, dove il balletto delle poltrone, delle promozioni e delle carriere ai vari livelli la fa da padrone con gli stessi nomi che hanno generato negli anni solo abbandono e devastazione”. Lo dichiara in una nota il consigliere capitolino della Lega Fabrizio Santori.

“Non crediamo che continuando a inserire sempre solo nomi ‘noti’ ai vari livelli dell’organigramma aziendale e ignorando il merito e le capacità degli interni, l’Ama e i cimiteri capitolini possano riscattarsi dal penoso degrado in cui versano ormai da troppo tempo”, prosegue Santori.

“Disservizi, sporcizia, lentezza, abbandono nelle strade e nelle piazze. E poi furti, danneggiamenti, lavori mai eseguiti, sbandati alla ricerca di un rifugio, mancanza di controllo e sicurezza sono i problemi che si aggiungono nei cimiteri.”

“Con lo stesso management e con l’atteggiamento della maggioranza del sindaco Gualtieri, che respinge un ordine del giorno della Lega con proposte mirate di rilancio per una nuova gestione di Ama, nulla cambierà, pur ascoltando le proteste di autisti e netturbini dopo le ultime assunzioni di impiegati e funzionari. In commissione Ambiente chiederemo chiarezza e trasparenza, efficienza nei servizi e decoro: tutto questo manca, eppure le tariffe continuano ad aumentare”, conclude Fabrizio Santori.

Più informazioni su