Quantcast

Leu, Fassina: no elezioni a settembre, Pd fermi offensiva

Roma – “Continua anche oggi l’offensiva del Partito Democratico per fissare la scadenza delle elezioni amministrative a settembre al fine di evitare maggiori rischi per la salute paventati per l’autunno. Ma anticipare le elezioni nella seconda metà di settembre implicherebbe presentare le liste per Comuni e Municipi subito dopo Ferragosto.”

“Sarebbe una sfida difficilissima nelle grandi città per le organizzazioni meno strutturate. Come dovrebbe essere noto, le grandi città si svuotano intorno alle metà di agosto e raccogliere candidature adeguate e le firme per presentarle diventa proibitivo. A Roma, ad esempio, tra Municipi e Comune, per ciascuna lista sono previsti 408 candidati e candidate.”

“Invito il Pd ad avere maggiore attenzione all’effettivo funzionamento della partecipazione democratica. L’aumento dei rischi per la salute va scongiurato attraverso il potenziamento della campagna di vaccinazione anti Covid e l’impegno a tutti i livelli di governo per far rispettare le misure precauzionali”. Lo afferma il deputato di LeU Stefano Fassina.