Quantcast

Lombardi: primarie con centrosinistra, progetto non può essere messo in discussione da Raggi

Roma – Primarie insieme, centrosinistra e M5S, per scegliere il prossimo sindaco di Roma, nonostante Virginia Raggi. È il sogno di Roberta Lombardi, neo assessora alla Transizione ecologica della “nuova” Giunta del Lazio, col rivoluzionario ingresso dei grillini dopo anni di opposizione.

“Roma non e’ coinvolta da questa situazione, lo abbiamo detto subito- ha spiegato Lombardi, che della Raggi non puo’ definirsi certo amica- Il Movimento 5 stelle ha un sindaco uscente che si e’ riproposto, il Pd di Roma ha una relazione in opposizione con questo sindaco, quindi non mi sembra che ci siano i presupposti. Il tema regionale non incidera’ sul tema comunale”.

Tuttavia Lombardi ha ribadito di avere sul tema “una posizione personale”, cioe’ quella di fare delle ‘primarie progressiste’ per individuare insieme (centrosinistra e M5S) il futuro candidato sindaco della Capitale “poiche’ negli anni sono stata la prima che ha pensato che potesse esserci una progettualita’ da fare con il centrosinistra e in questa progettualita’ mi piacerebbe pensare che, partendo magari dalla mia citta’, sia possibile che quelle forze politiche con un progetto per Roma, ognuno con il suo candidato, possano fare delle primarie aperte per vedere quale progetto sia quello da portare avanti tutti insieme. Io metto a disposizione questo mio progetto e se a qualcuno piace magari lo raccoglie”.

Ma il 5 Stelle il suo candidato lo ha gia’ scelto, Virginia Raggi che punta al bis: “Non vedo perche’ la presenza di Raggi possa mettere in discussione questo progetto, serve la volonta’ di tutte le forze politiche”, ha tagliato corto Lombardi.