Lozzi: Astensione Marincola? Non siamo fascisti, problema pratico

Roma – “I consiglieri si sono astenuti perche’ la risoluzione chiedeva l’intitolazione della fermata non avendo nessuna congruita’ con la toponomastica del luogo. Se scriviamo ‘fermata Marincola’ senza alcun contenuto, le persone potrebbero essere tratte in inganno tanto piu’ che via Marincola si trova gia’ a Cesano.”

“L’unica opposizione era quella, non e’ mai stato sollevato nessun problema sul nome di Marincola, tanto che dopo l’astensione si e’ riunita subito una commissione per condividere con la cittadinanza e l’Anpi un progetto di valorizzazione di questo personaggio con il coinvolgimento delle scuole.”

“Nessuno di noi e’ fascista, siamo antifascisti e lo rivendichiamo con i fatti”. Lo ha detto la presidente del VII Municipio, Monica Lozzi, presente in Assemblea capitolina, a proposito dele polemiche suscitate dall’astensione dei consiglieri municipali pentastellati sulla risoluzione presentata dal Pd che chiedeva l’intitolazione della fermata della metro C Amba Aradam al partigiano Giorgio Marincola.

“Voglio chiarire la posizione della maggioranza Cinque stelle”, ha spiegato Lozzi, aggiungendo che “da inizio consiliatura sono stati votati 22 atti sull’antifascismo a cui sono seguite azioni, come la Memoria in cui si chiede la medaglia d’oro ai rastrellati del Quadraro, il Giardino tricolore con la targa dedicata a Tina Costa e l’intesa tra il Municipio e Anpi per un tavolo sull’antifascismo”.

La minisindaca ha ribadito poi che “abbiamo posto un problema pratico, perche’ un amministratore pubblico deve anche valutare gli effetti che si hanno sulla popolazione. Noi non siamo assolutamente contrari a una intitolazione che valorizzi il personaggio e invitiamo il Comune e chi se ne occupera’ a tenere conto che bisogna anche dare indicazioni del luogo in cui si andra’ a scendere”.