Quantcast

M5S: bocciata autostrada Roma-Latina, ecco cosa serve

Roma – “È inaccettabile continuare a sentire appelli per la realizzazione dell’autostrada Roma-Latina che i cittadini, e i Sindaci da loro eletti, hanno gia’ ripetutamente bocciato proponendo alternative e revisione di un progetto di venticinque anni fa”. Cosi’ in un comunicato Valentina Corrado e Gaia Pernarella, consigliere regionali del Movimento 5 Stelle Lazio.

“La pressione e le fughe in avanti che una parte della politica esercita quotidianamente attraverso i giornali per un progetto nato vecchio discostandosi dalla realta’ e’ vergognosa. Un affanno che non ha portato a nessun intervento concreto a beneficio di un territorio che chiede da anni di dotare questa arteria di corsie di emergenza, segnalazione e illuminazione degli innumerevoli ingressi e uscite nonche’ dei tratti al buio e degli incroci. E poi una mobilita’ nuova, in linea con gli standard europei, che abbia una linea diretta di trasporto pubblico di collegamento con la Capitale, che tenga conto della riduzione dei flussi di traffico resi possibili dalle nuove opportunita’ offerte dallo Smart working cosi’ contribuendo a preservare l’ambiente, il territorio e la salute di chi lo vive”.

Aggiungono le Consigliere 5 Stelle: “In questa fase ancora emergenziale nella quale siamo costretti a vivere, invitiamo tutti a terminare lo show mediatico sugli interventi infrastrutturali e ad una maggiore presa di coscienza e collaborazione: i tempi sono cambiati. La Pontina ha bisogno di lavori importanti, da Roma a Latina ma anche dal capoluogo provinciale a Terracina, dove la 148 termina ma che in tanti sembrano dimenticare.”

“Interventi in questo ultimo tratto che non sono richiesti da chi desidera soltanto soddisfare e rinsaldare il rapporto con coloro che hanno interesse a mantenere un progetto anacronistico e non rispondente ai bisogni reali e al cambiamento del territorio rispetto a venticinque anni fa. Messa in sicurezza per ridurre un numero increscioso di incidenti stradali troppo spesso mortali, revisione del tracciato, linea dedicata al trasporto pubblico pendolare, coerenza con il fabbisogno del territorio e concretezza. Utilizziamo i soldi pubblici per migliorare la viabilita’, portare servizi ai cittadini e non per fargli pagare un casello autostradale”.