RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

M5S: Regione si adoperi per trovare soluzione Tmb Salario

Più informazioni su

Roma – “Invece che continuare a sprecare tempo per fare polemica sul Tmb Salario, puntando il dito contro il Comune di Roma e la sua partecipata Ama, la Giunta Zingaretti e la sua maggioranza, a cominciare dal consigliere Pd Minnucci, si adoperino per trovare le soluzioni per quanto previsto dalle competenze regionali”. Cosi’ il consigliere regionale M5S del Lazio, Marco Cacciatore, presidente della Commissione Rifiuti.

“Ad oggi non e’ arrivato ancora nessun atto sul Piano rifiuti da parte della Giunta in Commissione. Un atto fondamentale, di competenza regionale, che la Regione, se avesse davvero a cuore la salute e le tasche dei cittadini, procederebbe a redigere il prima possibile, anche avocando a se’ i poteri di altri Enti che ritiene inadempienti. Con il Piano Rifiuti si risolverebbero, molto probabilmente, i disagi di Roma e di molti altri Comuni del Lazio”.

“Ma, com’e’ evidente, ai nostri colleghi viene meglio ‘inscenare’ che trovare soluzioni concrete. Inoltre ricordiamo che, mentre Minnucci critica Ama senza considerare il passato, che ha portato la societa’ partecipata allo stato di sofferenza attuale, stiamo ancora aspettando che l’eterna gara su Lazio Ambiente veda la luce. Senza voler interferire con attivita’ amministrative, ritengo che un conto sia cercare con difficolta’ di salvaguardare il carattere pubblico di partecipate ereditate in condizioni fatiscenti, altra cosa invece e’ assistere ad un altrettanto farraginoso procedimento per esternalizzare una partecipata regionale”.

“Nella migliore delle ipotesi, stando alla gestione della partecipata regionale da parte della Giunta Zingaretti, vedremo privata la Regione di un fondamentale strumento di gestione di un servizio, che, una volta privatizzato, potrebbe comportare lo scenario tipico di molte esternalizzazioni: aumento di costi e carenza dei servizi, con le conseguenti ricadute su ambiente e salute dei cittadini”, conclude.

Più informazioni su