Marcelli: Municipio VIII, Regione Lazio deve aprire Casa Salute

Roma – “L’esigenza di aprire e rendere operative le Case della Salute, si fa ancora piu’ pressante in questo momento di crisi sanitaria in cui le strutture ospedaliere fanno fatica a garantire i servizi per patologie non strettamente collegate alla pandemia.”

“Soprattutto in quei territori in cui gli ospedali esistenti hanno visto la conversione di diverse unita’ operative in reparti Covid, vanno organizzate e coordinate le risposte da fornire ai cittadini nelle sedi piu’ idonee, privilegiando il domicilio e il contesto sociale. E’ il caso dell’VIII Municipio di Roma, dove il CTO e l’Ospedale Sant’Eugenio sono pesantemente messi alla prova dall’emergenza pandemica.”

“Per questo motivo ho presentato una mozione con la quale chiedo un impegno della Regionale ad attivare tutte le procedure per aprire, nel territorio municipale, una Casa della Salute, affinche’ siano soddisfatti i bisogni di assistenza primaria e la presa in carico dei pazienti con patologie croniche”. Lo dichiara in una nota il consigliere M5S alla Regione Lazio, Loreto Marcelli, vice-presidente della Commissione Sanita’.

“Nonostante i Programmi Operativi 2013-2015 del Servizio Sanitario regionale si prefiggessero l’obbiettivo di attivare una Casa della Salute in ciascun distretto- continua il consigliere M5S- ancora nessuna struttura di questo tipo e’ stata aperta nell’VIII Municipio di Roma, che conta oltre 130mila abitanti con un’eta’ media piu’ alta rispetto a quella rilevata in altre zone della citta’, attestandosi al secondo posto, a Roma, rispetto all’indice di popolazione anziana.”

“Ed e’ soprattutto questo indicatore, che incide notevolmente sulla diffusione delle malattie croniche connesse all’anzianita’, che impone una scelta di questo tipo, per assicurare per le cronicita’, i percorsi di de-ospedalizzazione, la gestione della non-autosufficienza e l’assistenza territoriale”.

“Mi auguro che questo impegno venga preso seriamente in considerazione dalla Giunta regionale- conclude Marcelli- nell’ottica di rendere fluido, ai cittadini dell’VIII Municipio, l’accesso alle cure primarie con una stretta correlazione tra l’assistenza territoriale e la rete dei servizi sanitari”.