RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Mattia (PD): Periferie, mozione in Consiglio Lazio per intervenire su Governo

Roma – Con una mozione presentata dalla consigliera regionale Pd Eleonora Mattia, e sottoscritta dai colleghi consiglieri Sara Battisti, Emiliano Minnucci e Fabio Refrigeri, il Consiglio regionale del Lazio sara’ chiamato ad esprimersi sui fondi per la riqualificazione delle periferie e di altre aree sensibili, sospeso dal decreto Milleproroghe 2020.

Nella mozione dei quattro consiglieri Pd si impegna “il presidente e la Giunta regionale del Lazio a porre in essere ogni iniziativa nei confronti del Governo, del Parlamento e della Conferenza Stato-Regioni affinche’ l’intervento di modifica in questione venga stralciato dal testo definitivo che sara’ approvato, con conseguente ripristino dei finanziamenti previsti dal Programma straordinario di interventi per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle citta’”.

“La scelta del Governo- sottolinea Mattia nella mozione- determina, per Roma e in particolare per il territorio della Citta’ metropolitana di Roma, la sospensione di investimenti pari a circa 40 milioni di euro, a fronte di convenzioni gia’ firmate con lo Stato in virtu’ delle quali le amministrazioni interessate hanno gia’ concluso le attivita’ di progettazione e, in alcuni casi, avviato le procedure di gara”.

“Se- continua- dopo il voto favorevole del Senato, il provvedimento fosse approvato definitivamente anche alla Camera, rimarrebbero esclusi dagli interventi finanziati quelli relativi ai Municipi XIV, XIII, XII, IX e VIII di Roma Capitale, a Fiumicino, a Pomezia, a Guidonia Montecelio, a Monterotondo, a Tivoli, a Fonte Nuova, Anguillara Sabazia, a Frosinone, a Rieti e a Viterbo”.

“Siamo certi- conclude la Mattia- che il Consiglio regionale potra’ sostenere con forza questa mozione considerato che la Regione Lazio, sia nella sua componente esecutiva e legislativa, sia, soprattutto, nella sua componente territoriale ed umana, si e’ sempre mostrata molto sensibile al tema della rigenerazione urbana, dell’inclusione sociale e del recupero di situazioni di devianza urbana e, purtroppo, il piu’ delle volte, anche sociale. L’auspicio e’ che venga discussa quanto prima, per evitare che il Parlamento concluda il proprio iter causando danni molto seri alle comunita’ interessate”.