RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Messo in sicurezza nel Municipio XIV il Fosso del Santo Spirito

Più informazioni su

Barletta - Cecera

Barletta – Cecera

“Era un nostro impegno e finalmente dopo anni di abbandono e incuria abbiamo messo in sicurezza e aumentato la capacità idraulica del Fosso del Santo Spirito attraverso un’operazione di bonifica e pulizia richiesto da centinaia di cittadini e disatteso dalla precedente amministrazione di centrodestra”.

La giunta del Presidente Valerio Barletta, grazie all’impegno mantenuto dall’Assessore alle Periferie Paolo Masini, è riuscita ad intervenire su questo tratto del fosso non in manutenzione al consorzio di bonifica, utilizzando i fondi degli oneri raccolti dall’Autorecupero urbano; parallelamente ha chiesto agli enti preposti alla manutenzione ordinaria e straordinaria degli altri fossi -Ardis per il fiume Arrone e Consorzio di Bonifica Tevere e Agro Romano per il Rio Galeria e il sistema idrologico minore- presenti nel nostro Municipio, di pianificare gli interventi con un piano annuale.

”Il riassetto idrico-geologico passa innanzitutto attraverso l’opera di mitigazione del sistema idrografico, ovvero attraverso una puntuale programmazione degli interventi strutturali di potenziamento degli argini, del pescaggio dei letti dei fossi e nel contrasto alle opere abusive situate a ridosso dei corsi d’acqua”.

Queste le dichiarazioni del Presidente Municipio XIV V.Barletta e dell’Assessore Lavori Pubblici A. Cecera che proseguono: “noi continueremo il nostro lavoro per gestire questa partita complessa e delicata anticipando i tempi.”

“Porterò in giunta – prosegue l’Assessore- entro febbraio una delibera per la sdemanializzazione del Fosso delle Campanelle (Morsasco) e l’acquisizione dello stesso al patrimonio di Roma Capitale. In questo modo potremo svincolarlo dalla giurisdizione del CBTAR e utilizzare i soldi degli oneri derivanti dagli interventi immobiliari che si sono sviluppati lungo gli argini per mettere in sicurezza gli argini stessi, aumentare la capacità idraulica del letto del fosso e contenere lo scorrimento delle acque con sponde drenanti in cassoni di pietra”.

“La riqualificazione delle periferie parte anche da operazioni come questa che pongono al centro dell’attenzione la salvaguardia e la sicurezza delle famiglie”. Concludono così in una nota congiunta il Presidente Barletta e L’Assessore ai Lavori Pubblici Cecera.

fosso del santo spirito

fosso del santo spirito

Più informazioni su