Quantcast

Michetti: Malagrotta? Nessuna preclusione ideologica

Roma – “Malagrotta? Io non ho preclusioni ideologiche. L’importante è che ci sia massimo rispetto dei tetti di compatibilità con la salute umana, massimo impatto con l’innovazione tecnologica. Inoltre, deve esserci il rispetto delle aree e una conformità a quelli che sono i precetti normativi che governano l’urbanistica, l’edilizia e l’ambiente locale”. Lo ha detto Enrico Michetti, candidato a sindaco di Roma per il centrodestra, a margine di un incontro a Unindustria, rispondendo in merito alle dichiarazioni rilasciate ieri da Guido Bertolaso, favorevole alla riapertura di Malagrotta.

Il candidato del centrodestra ha anche sottolineato che “queste decisioni vengono prese a valle di un’istruttoria che si può fare nel momento in cui ci si insedia. Noi dobbiamo sapere la quantità e la qualità del rifiuto che produce Roma – ha continuato il candidato – . In base a quello bisognerà capire quali sono gli impianti che servono alla città, volti al riuso, al riciclo, alla trasformazione del rifiuto in prodotto”, ha detto il candidato.

“Però – ha aggiunto Michetti – bisogna avere delle conoscenze puntuali in merito a quello che si sta facendo, rispetto all’adozione del piano rifiuti, e di quello di cui si è deficitari. Soltanto in quel momento, con le carte davanti e dopo aver ascoltato tutte le categorie, tutti i corpi intermedi e tutti i lavoratori, o perlomeno le loro rappresentanze che riguardano l’azienda che si occupa della raccolta, e le imprese che hanno il know-how per realizzare gli impianti. Solo a valle di questo si potranno prendere decisioni complessive all’interno di un piano che poi andrà sviluppato”, ha concluso il candidato sindaco. (Agenzia Dire)