Quantcast

Mov. PER: calo affluenza è colpa dei partiti tradizionali

Più informazioni su

    Mov. PER: calo affluenza è colpa dei partiti tradizionali –

    “O si cambiano il modello di sviluppo e le pratiche democratiche o i soldi europei di oggi saranno la zavorra di domani”. A sottolinearlo in una nota è il movimento PER (Patto Ecologista Riformista) che si propone come rete per federare Amministratori Locali, Comitati e Associazioni, capaci di condividere in modo partecipato le buone pratiche e le buone proposte, attraverso azioni capaci di interessare la Società Civile e i vari livelli istituzionali, sia locali che europei.

    “Il calo dell’affluenza a cui abbiamo assistito il 3 e 4 Ottobre riflette un gap caratterizzato da insicurezze e aspettative dei cittadini, che considerano la politica, le sue decisioni e le sue risorse, affar loro”.

    “Gli aventi diritto al voto, che scelgono di non esercitarlo, rilevano – aggiunge il comunicato – la crisi di legittimità dell’istituto della Democrazia. La questione si ripercuote anche sul piano della modifica del modello di sviluppo, che sta pregiudicando l’Ambiente e la qualità sociale: senza una partecipazione consapevole e informata non si può andare oltre. È necessario il coinvolgimento e l’interesse dei Cittadini”.

    “Il risultato dei Verdi – continua il comunicato – è altro sintomo di questo vicolo cieco: è stato deludente e residuale, connotato dall’assenza di iniziativa, visione e proposta. È un “vecchio modo di fare” di facciata, che si scontra con la presenza attiva di Greta Thunberg (nella foto) e di decine di migliaia di Giovani, che hanno occupato con le loro sollecitazioni le piazze, le sedi ufficiali e ogni tipo di media nella settimana precedente il voto”.

    Più informazioni su